Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni, Liguria quinta regione per affluenza: più del 44% al voto nella prima giornata

Più basso il dato delle regionali, poco oltre il 39%. Oggi seggi aperti dalle 7 alle 15, poi lo spoglio

Più informazioni su

Genova. Alla chiusura dei seggi alle 23 di domenica la Liguria si conferma tra le prime regioni italiane per affluenza considerando il dato del referendum, che è quello più alto: nella prima giornata è andato a votare il 44,04% degli aventi diritto, cifra che vale il quinto posto in classifica alle spalle di Valle d’Aosta (56,37%), Trentino-Alto Adige (54,42%), Veneto (51,04%), Toscana (48,29%) e Marche (47,56%) e seguita a ruota dalla Puglia (43,72%). Il dato nazionale è del 39,44%.

Le urne saranno aperte ancora oggi, lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15. Qui spieghiamo le modalità di voto, qui le novità per le regionali e l’elenco di tutti i candidati.

La coincidenza con le regionali finora funge da traino, come si evince dai numeri analoghi dei territori chiamati al voto amministrativo e dal crollo dell’affluenza al Sud (la Sicilia supera appena il 25%, la Sardegna si ferma al 23%), ma il dato relativo alle sole regionali è comunque più basso: 39,29% per la Liguria nel complesso.

In provincia di Genova ha votato il 44,46% per il referendum e il 39,8% per le regionali. Ancora più alto risulta però il dato del Savonese che segna rispettivamente 45,64% e 41,18%. Nel capoluogo di regione si registrano 43,98% e 40,72%. Il record appartiene a Crocefieschi (61,17% per il referendum, 57,4% per le regionali).

La giornata elettorale è trascorsa senza particolari problemi a parte il caso di Oregina, dove una sezione è stata temporaneamente chiusa per un sospetto caso di coronavirus che si è poi rivelato un falso allarme.

Il presidente di seggio era stato ricoverato con la febbre, a metà mattina il Comune aveva deciso di mandare tutto il personale a casa in isolamento prima di sanificare e riaprire con nuovi scrutatori, quindi in serata il tampone negativo ha tranquillizzato tutti. A Genova più di 60 persone hanno chiesto di votare a domicilio perché in isolamento o quarantena per coronavirus.