Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via Bologna, l’ex mercato diventerà la nuova Fabbrica del riciclo. Porte aperte nel 2020 fotogallery

Dopo il crollo del ponte, qui rinascerà il fulcro del riciclo genovese

Genova. Sarà pronta entro il 2020 negli spazi dell’ex mercato di via Bologna la nuova Fabbrica del riciclo dopo che il crollo di Ponte Morandi ha distrutto quella precedente che si trovava proprio sotto il ponte.

fabbrica del riciclo mercato via bologna

Ad annunciarlo l’assessore all’ambiente del comune di Genova Matteo Campora a margine dell’ inaugurazione degli spazi esterni del mercato che sono stati realizzati da amiu. “Questo è uno spazio che adesso dedichiamo alla città – spiega l’assessore – con l’obiettivo di restituire completamente quest’area. A breve ci sarà il passaggio di proprietà ad Amiu e qui al suo posto sorgerà la Fabbrica del Riciclo”.

Un luogo dove possono andare le scuole e i cittadini e dove si può fare cultura ambientale. Si tratta di riportare qui ciò che Ponte Morandi ha portato via anche se sotto l’area di Ponte morandi, nel masterplan che è stato approvato dalla giunta, ci sarà uno spazio dedicato ad amiu, al centro del riuso. Una biblioteca, un centro che possa vivere tutti i giorni con un caffè e uno spazio dedicato al riciclo”. Il primo passo, comunque, è stato restituire questa piazzetta al quartiere. Un giardino realizzato utilizzando le scarpe da ginnastica riciclate.

“Questo è un modo per dimostrare che grazie al riciclo ci si ottengono nuove cose, spiega Luca zanè, responsabile comunicazione amiu. In questo caso il giardino è stato realizzato con il recupero delle scarpe da ginnastica, per realizzare uno spazio di 100 metri quadrati come questo ci vogliono circa 6000 scarpe, Ma questo è anche un modo per recuperare uno spazio abbandonato dei quartieri, oggi presentiamo lo spazio aperto di un edificio che farà parte di un progetto futuro di recupero di amiu”.

A dare il nome a questi giardini ci penseranno i giovani, gli studenti, e cittadini, attraverso una sorta di referendum pubblico, come ha spiegato il presidente del municipio, Renato falcidia, una votazione sia utilizzando schede che on line.