Waterfront di Levante, 2mila alberi per il nuovo parco. Bucci: "Sarà tutto pronto entro il 2023" - Genova 24
Passi avanti

Waterfront di Levante, 2mila alberi per il nuovo parco. Bucci: “Sarà tutto pronto entro il 2023” fotogallery

Il sindaco: "I nuovi canali e il Palasport saranno pronti nel 2022". Ci sarà anche un ascensore per il collegamento con corso Aurelio Saffi

Genova. “Il primo traguardo importante sarà aprile dell’anno prossimo: avremo il Palasport pronto e i canali con l’acqua dentro. Vuol dire che potremo già consentire gli ormeggi che saranno usati per il Salone Nautico dell’anno dopo. A giugno 2023 avremo tutti gli edifici e quasi tutte le strutture pronte, compreso l’ascensore panoramico da corso Aurelio Saffi. Mancherà solo la Casa della Vela ma forse sarà pronta anche quella”.

Così il sindaco di Genova Marco Bucci, presentando il nuovo plastico a Palazzo Tursi, aggiorna le tempistiche del grande progetto del Waterfront di Levante, ideato da Renzo Piano e sviluppato dal suo workshop insieme allo studio Obr.

Le demolizioni sono ormai completate. Ad oggi è quasi terminata la nuova banchina di Ponente con uno scivolo per imbarcazioni incassato per non risultare di intralcio alle imbarcazioni in manovra. Sono in corso di realizzazione le nuove dorsali impiantistiche nel sottosuolo e soprattutto gli scavi per l’abbassamento dei sedimi sia delle aree edificabili sia dei canali.

Il plastico del waterfront di levante

È stata ultimata la progettazione definitiva dei due ponti carrabili che collegheranno la “terraferma” all’isola, interamente circondata dai canali, che risulterà occupata al centro dal padiglione Jean Nouvel, con ai lati edifici per uffici a ponente e abitazioni a levante, sviluppati dagli operatori. Mentre il ponte centrale si troverà a quota strada il ponte a Levante, a quota banchine, sarà apribile.

Il parco e la passeggiata

Ma l’elemento più caratterizzante, secondo i progettisti, sarà il parco urbano da 16mila metri quadrati che funzionerà da “elemento connettivo tra città e porto” e si svilupperà come un giardino lineare lungo le mura storiche che sorreggono corso Aurelio Saffi. L’area verde si prolungherà poi su piazzale Kennedy costeggiando una grande spiaggia pubblica – ma qui il progetto è ancora da sviluppare, così come quello del park interrato – creando un punto d’arrivo della passeggiata di corso Italia simmetrico a Boccadasse.

Sono già previsti 2mila alberi, chi dice che non lavoriamo per l’ambiente dovrebbe conoscere i numeri“, rivendica il sindaco Bucci. Il parco sarà realizzato a 5,50 metri di quota sul livello del mare, in parte a tutta terra e in parte a giardino pensile sopra i parcheggi interrati, prevendo la messa a dimora di alberi ad alto fusto, con una densità di almeno un albero ogni 60 metri quadrati. Lungo il parco urbano ci sarà la passeggiata a mare “auspicabilmente fino al Porto Antico con un percorso ciclo-pedonale che rappresenta la continuazione ideale di corso Italia, restituendo alla città le aree urbane più prominenti sul mare con una maggior vocazione pedonale”, si legge nell’estratto del progetto.

Waterfront di Levante, ecco come saranno i nuovi canali e il parco da 2mila alberi

Confermato l’ascensore panoramico ad uso pubblico a ridosso delle mura storiche, con approdi aperti alla vista ma protetti dalle intemperie, che costituirà il collegamento verticale diretto tra il parco urbano e corso Aurelio Saffi davanti al nuovo ospedale Galliera, in continuità con Villa Croce, via Vannucci e corso Mentana, garantendo in questo modo la connessione urbana tra il Waterfront di Levante e il quartiere di Carignano.

Gli edifici

Il progetto del Waterfront di Levante prevede cinque lotti funzionali. Il primo è quello del Palasport che, pur con una capienza ridotta, è pensato per l’omologazione Coni in modo da ospitare la serie A di tutti gli sport indoor e accogliere grandi eventi, spettacoli e concerti, con un distretto commerciale tematico al piano terra aperto alla città.

Parallelo a corso Saffi e al padiglione Jean Nouvel che rimarrà dedicato alle funzioni fieristiche, sorgerà uno studentato con residence-hotel da 8.900 metri quadri complessivi. Per ridurre l’impatto visivo dalla città, l’edificio ha un’altezza massima non superiore a 23 metri sul livello del mare.

Waterfront di Levante, ecco come saranno i nuovi canali e il parco da 2mila alberi

Negli altri due corpi di fabbrica accanto al padiglione, con orientamento nord-sud, sorgeranno residenze (15.500 metri quadri) con una corte interna aperta e passante per mantenere l’apertura della vista dal parco urbano verso mare. L’altezza è contenuta sotto i 26 metri per non superare l’altezza della circonvallazione a mare. Ci saranno terrazzi panoramici, logge e spazi aperti sul canale.

Un altro edificio da 10mila metri quadri, con orientamento nord-sud, sarà dedicato a uffici e avrà una sovra-copertura tipo flying carpet con un’altezza massima del corpo principale non superiore al colmo del padiglione blu.

Lungo il fronte nord del padiglione fieristico sorgerà un boulevard alberato piantumato con alberi ad alto fusto di altezza 12 metri ogni 8 metri, con una funzione di mitigazione, sopraelevato rispetto alla banchina che sarà animata da servizi e funzioni pubbliche o ad uso pubblico.

Per mantenere la trasparenza visiva dal parco urbano verso mare, tutti gli edifici presentano i piani terra a quota 5,50 metri trasparenti, passanti ed aperti, con le vetrate sufficientemente arretrate per creare un effetto visivo di “sospensione”.

leggi anche
Generico maggio 2021
Cantiere
Waterfront Levante, il Comune approva anche il raccordo tra i due futuri canali
Generica
Un altro passo
Waterfront di Levante, le nuove linee guida di Renzo Piano per un quartiere sostenibile
waterfront levante piazzale kennedy
Si farà
Piazzale Kennedy, entro il 2024 la rivoluzione: parco, spiaggia e mille posti auto sotterranei