Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione Sestri Ponente, accusa di inondazione colposa: chieste 6 condanne

Sestri Ponente. Al processo per l’alluvione di Sestri Ponente dell’ottobre 2010, il pm Francesco Pinto ha chiesto sei condanne e tre proscioglimenti. L’accusa per gli imputati è inondazione colposa.

Il pm ha chiesto 2 anni ciascuno per Paolo Tizzoni e Agostino Ramella, rispettivamente ex vice presidente della giunta provinciale ed ex assessore con delega alla difesa del suolo e poi presidente del Comitato tecnico provinciale di Genova il primo e all’epoca dirigente della Provincia il secondo. Il pm ha chiesto un anno e 8 mesi per Stefano Pinasco, ex dirigente del settore idrogeologico del Comune di Genova fino al 2009 e poi in qualità di direttore alla manutenzione Strade, Parchi, Verde, Litorali e Piani di Bacino del Comune; un anno per Alessandro Ghibellini, nella sua qualità di presidente e responsabile delle ditte “Tecnocittà” a decorrere dal 2001 e Talea dal 2000 al 2009; 8 mesi ciascuno per Daniele Legnani quale responsabile del Centro Servizi Fincantieri a partire dal 2005 e per Sara Marchesi per la “Vegagest Immobiliare SGR Spa”.

Pinto ha chiesto il proscioglimento per Matteo Preziosi, legale rappresentante della Teras srl dal gennaio al dicembre 2009, per Giacomo Tortarolo, che era responsabile dei servizi generali della Elsag spa dal 2005 al novembre 2010 e per Francesco Berardini nella sua veste di presidente e responsabile della ditta Talea dal 2000 al 2009. Per i primi due il proscioglimento è stato chiesto in base alla perizia ordinata dal giudice che aveva parlato di un evento “eccezionale e in alcuni tratti straordinario” riferito al torrente Chiaravagna mentre per Berardini il proscioglimento è stato chiesto per non aver commesso il fatto. Gli imputati sono manager pubblici all’epoca dei fatti e titolari di superfici prossime ai torrenti cioè “frontiste”.

Secondo il pm le amministrazioni avrebbero avallato il sistema delle sanatorie col “regime di indennizzo” in attesa di una messa a norma per la sicurezza che, però, non sarebbe mai avvenuta.