Quantcast
Cronaca

Alluvione Sestri ponente, gip respinge archiviazione per la morte di Paolo Marchini, inghiottito dal fango nella cava di Panigaro

Genova. Il gip Massimo Cusatti ha nuovamente respinto la richiesta di archiviazione avanzata dal pubblico ministero Francesco Pinto in relazione alla morte dell’operaio Paolo Marchini, di 44 anni, che, durante l’alluvione del 2010 a Sestri Ponente stava lavorando nella cava di Panigaro. Marchini fu inghiottito dal fango mentre cercava di recuperare la sua moto e il suo corpo fu ripescato tre giorni dopo in mare.

Cusatti ha chiesto un approfondimento istruttorio allo scopo di individuare i possibili responsabili del fatto anche alla luce della normativa di prevenzione sugli infortuni.

Per la morte di Marchini il pm aveva aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo e poi aveva chiesto l’archiviazione che era stata respinta dal gip sula base dell’opposizione presentata dall’avvocato Massimo Boggio, legale dei familiari del Marchini.

Dopo la seconda richiesta di archiviazione c’e’ stata nuovamente l’opposizione dei familiari della vittima e ora il gip Cusatti si e’ opposto e ha dato due mesi di tempo per compiere ulteriori accertamenti.

leggi anche
  • Alluvione
    Alluvione a Sestri Ponente: perizia per valutare l’eccezionalità dell’evento
  • Nel 2010
    Alluvione Sestri Ponente, il perito: “Fu provocata da un insieme di cause”
  • Alluvione
    Alluvione Sestri Ponente, accusa di inondazione colposa: chieste 6 condanne