Quantcast
Fumata nera

Ex Ilva, nuova rottura con l’azienda: “Nessun incremento del lavoro, confermata la mobilitazione”

Le giornate lavorate, 10 per ogni dipendente al mese, sono le stesse del periodo di piena pandemia e i sindacati non ci stanno

Ex Ilva, secondo giorno di sciopero e blocco della Guido Rossa

Genova. Rottura totale questa sera tra i vertici locali di Acciaierie d’’Italia e i sindacati sulla cassa integrazione per i lavoratori dello stabilimento di Cornigliano. Oggi pomeriggio l’azienda aveva inviato una lettera spiegando di aver richiesto all’Inps la cassa integrazione causa covid per 250 lavoratori su 981.

Stasera l’incontro dove i sindacati, per firmare l’accordo sulla cassa hanno chiesto un incremento delle ore lavorate rispetto ai mesi scorsi dove erano state garantite 10 giornate lavorative per ogni dipendente: “La situazione Covid non è quella di alcuni mesi fa – dice il coordinatore dell’rsu Armando Palombo – e visto che siamo ormai tutti vaccinati abbiamo chiesto di poter lavorare un po’ di più ma l’azienda ha detto no”.

Così la mobilitazione indetta nello stabilimento di Cornigliano che prevede un’ora di stop al giorno per 8 giorni lavorativi da domani al 29 luglio è confermata.

leggi anche
corteo 25 giugno ex ilva
Bene!
Ex Ilva, azienda riduce la cassa integrazione a Cornigliano: richiesta per 250 lavoratori
rotolo
Ancora
Ex Ilva, cade un altro rotolo nello stabilimento di Cornigliano: è il terzo in 10 giorni