A Sturla via alle vaccinazioni anti Covid per i poliziotti genovesi: "Così tuteliamo noi e gli altri" - Genova 24
Primo giorno

A Sturla via alle vaccinazioni anti Covid per i poliziotti genovesi: “Così tuteliamo noi e gli altri”

Tante aspettative e un po' di emozione tra i primi 'vaccinati' alla caserma Ilardi di Sturla

Genova. Vaccinazioni anti covid al via questa mattina per i poliziotti genovesi. Tante aspettative da parte del personale e anche un po’ di emozione per un momento considerato cruciale soprattutto da chi lavora sulla strada. “Le adesioni sono finora intorno al 90% – spiega il vice questore Paola Zappavigna, che sta gestendo il punto vaccinazioni della caserma Ilardi di Sturla – ma via via che si comincia stanno arrivando nuove adesioni”.

Due gli hub allestiti dalla Questura: oltre a quello della ala caserma di Sturla, ha avviato stamani le vaccinazioni anche il secondo hub che si trova presso il reparto mobile di Bolzaneto. Sono circa 2000 gli operatori di polizia a cui sarà somministrato il vaccino Astrazeneca. A vaccinare i poliziotti sono i sanitari in forza alla stessa polizia.

“Per oggi, giovedì e venerdì in ciascuno dei due hub sono previste 40 vaccinazioni al giorno con l’obiettivo dalla prossima settimana di portarle a 60-70 e la speranza di finire il primo ciclo più rapidamente possibile per poi cominciare con i richiami” spiega ancora Zappavigna.

Nell’hub di Bolzaneto saranno vaccinati anche i vigili del fuoco genovesi, circa 500 persone, mentre l’hub di Sturla vaccinerà anche il personale civile dipendente della Questura e della Prefettura di Genova. I poliziotti dei commissariati di Chiavari e Rapallo saranno invece vaccinati dalla Asl4.

Luca Martelli del commissariato Centro è in attesa del suo turno: “Sono contento di fare questa tappa per me e la mia famiglia – spiega – credo che chi sta su strada tutti i giorni è giusto che si tuteli perché così tutela anche gli altri. I miei genitori sono due colleghi quindi in casa mia tra poco saremo Covid free sperando che presto tutti quanti potremo uscire da questa situazione un po’ delicata”.

“E’ importante per la sicurezza di tutti noi – dice Giulia Dibrizzi, 28 anni agente della Questura di Genova. “Non ho avuto nessuna esitazione – aggiunge – perché credo nella scienza e se il vaccino viene fatto c’è un motivo”.

leggi anche
Silver Vaccination Day
Come sarà
Vaccino Covid, in arrivo il nuovo piano: prima ai più anziani e priorità anche ai disabili
Generica
Attacco
Vaccino Covid, Toti: “Le categorie prioritarie? Un errore, era meglio andare solo per età”