Quantcast
Pronti?

Reddito di cittadinanza: 700 beneficiari saranno impiegati per la pulizia dei parchi, manutenzioni e sicurezza scolastica

Il Comune di Genova insieme ai municipi ha predisposto nove progetti: le graduatorie saranno calcolate dall'algoritmo del ministero

Pulizia Alassio colline

Genova. La carica dei 700. Anzi 699. Questo il totale delle “posizioni” che il Comune di Genova attiverà nei prossimi mesi per coinvolgere i genovesi destinatari del reddito di cittadinanza sui nove progetti presentati da municipi e civica amministrazione per valorizzare queste risorse umane e compensare situazioni dove è necessaria più forza lavoro.

Le proposte sono state illustrate ieri pomeriggio durante la seduta dalla commissione consigliare del Comune di Genova, e prevedono disparate tipologie di impiego, dalla manutenzione dei verde alla gestione dei flussi turistici, dalla manutenzione scolastica alla ‘guida’ dei pedibus. Il progetto più corposo è quello presentato da Tursi, che prevede l’impiego di 600 persone divise su 20 parchi pubblici cittadini per l’assistenza alle persone che frequentano i principali parchi e la segnalazione agli uffici competenti circa eventuali malfunzionamenti o anomalie. Anche il Municipio I centro Est punta sul verde pubblico affidando a 12 persone compiti di piccola manutenzione, oltre che a 4 unità per facilitare i flussi agli uffici dell’anagrafe.

Si fa in tre il Municipio IV Media Val Bisagno, in testa alla classifica per progetto presentati: sarà chiamato un piccolo esercito di 54 persone che sarà suddiviso in attività legate agli spazi culturali all’interno del Nuovo Polo culturale di quartiere (Biblioteca Saffi e Auditorium), attività di piccola manutenzione all’interno delle strutture scolastiche e gestione della sicurezza (sanitaria) per gli studenti agli ingressi e nella conduzione dei ‘Pedibus’.

Doppio progetto per il Municipio III Bassa Valbisagno, che attiverà 25 persone per la manutenzione del verde pubblico e delle aree gioco e per il “rinforzo” del personale della biblioteca Lercari. Mentre sono 4 le persone necessarie al Municipio IX Levante per la tinteggiatura delle ringhiere della passeggiata Anita Garibaldi.

Tutti questi progetti, catalogati come “Progetti Utili alla Collettività” saranno messi a punto nelle prossime settimane: il primo passaggio sarà il perfezionamento della procedura da parte dell’amministrazione civica che dovrà caricare i progetti sui portali preposti del ministero; l’elenco dei potenziali candidati arriverà quindi in base all’elaborazione degli applicativi ministeriali, che produrrà un punteggio determinato dall’entità del reddito di cittadinanza del nucleo famigliare, informazione che i centri dell’impiego non hanno a livello regionale e comunale.

Dopo la scelta ‘romana’, la palla passerà ai centri per l’impiego locali che in base alla graduatoria contatteranno e proporranno l’attività, cercando in prima istanza di combinare altri dati, come la prossimità con il luogo di residenza ed eventuali specifiche requisiti e condizioni lavorative. A Genova ad oggi sono circa 2800 le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza, ne consegue che per i progetti più grossi potrebbe essere necessario più tempo di elaborazione.

 

leggi anche
pedibus ronco scrivia parco antola
Ottima notizia
Reddito di cittadinanza, la Media Valbisagno si fa in tre: 54 posti per scuole e cultura
ex onpi quezzi
Dimenticati
Quezzi, i giardini ex Onpi pronti a riaprire grazie ai percettori di reddito di cittadinanza