Da martedì

Martedì la Lanterna di Genova riapre al pubblico, primo museo con un’app per prenotare la visita

Ingressi contingentati, mascherine, igienizzante per le mani e controllo della temperatura

Genova. Il complesso monumentale della Lanterna di Genova dopo più di due mesi di chiusura per l’emergenza coronavirus riapre al pubblico da martedì 19 maggio secondo il consueto orario: dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle 17 (ultimo ingresso 16.30); sabato, domenica e festivi dalle ore 10 alle ore 18 (ultimo ingresso 17.30).

Per accedere, si terrà conto di tutte le misure di sicurezza definite dalle autorità competenti: ingresso contingentato, necessità di dispositivi di protezione individuale e igienizzante, screening della temperatura corporea. In più, la Lanterna è il primo museo ad utilizzare Fastpass, una app che consente ai visitatori di verificare in tempo reale i tempi di attesa e prenotare l’orario della visita, per evitare assembramenti lungo il percorso e facilitare gli accessi. Si consiglia inoltre l’acquisto online del biglietto.

Si tratta di uno dei primi musei a poter riaprire al pubblico a Genova: i visitatori potranno tornare ad ammirare l’Open Air Museum nel parco, con l’antica porta di accesso a Genova da Occidente, il museo con la storia della Lanterna e le sale dedicate a fari e fanali, e infine salire i 172 gradini che conducono alla prima terrazza panoramica della torre del faro, da cui si gode una splendida ed inedita vista a 360° sulla città e il suo porto.

Un segnale di ripresa, di speranza nella risoluzione definitiva della situazione contingente e di fiducia nel futuro: un invito ai genovesi a riscoprire il proprio patrimonio e a sostenerlo.

“La Lanterna, simbolo di Genova, sarà uno dei primi musei genovesi a riaprire le sue porte, dopo il periodo di lockdown. E lo farà rispettando tutte le normative di sicurezza – spiega l’assessore alle Politiche culturali del Comune, Barbara Grosso – Non possiamo che essere felici per questa riapertura, che segna un passo in avanti verso la normalità e sottolinea che la cultura non si ferma mai.”

“Martedì riapre al pubblico il monumento simbolo della città – afferma Nicoletta Viziano, presidente Mu.MA Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni – un segnale importante per il mondo della cultura che riesce a superare l’emergenza, ottenuto con l’impegno e la determinazione.”

“Siamo felici di essere riusciti ad ottenere il via libera per riaprire al pubblico – sottolinea Andrea De Caro, direttore operativo del complesso monumentale della Lanterna di Genova per Pharos light for Heritage – per poterlo fare, abbiamo messo in atto tutte le prescrizioni previste, utilizzando anche strumenti tecnologici come la termocamera per rilevare la temperatura corporea e una app, Fastpass, utilizzata per la prima volta per organizzare gli accessi in un museo, per ottimizzare la visita”.

Lunedì 18 maggio intanto, la sera prima della riapertura, la Lanterna si colora di azzurro nella giornata internazionale dei musei per sensibilizzare sull’importanza del loro ruolo come istituzioni al servizio della società e del suo sviluppo: un importante mezzo di scambio culturale, arricchimento delle culture e sviluppo di comprensione reciproca, cooperazione e pace fra i popoli.

Foto di Franco Galatolo

Più informazioni
leggi anche
  • Mitico!
    Il porto, la Lanterna, il Matitone: Genova oggi sulle pagine di Topolino
  • Sempre presente
    Festa della Mamma, domenica la Lanterna si colora di rosa per “abbracciarvi tutte”
  • Finalmente
    Palazzo Ducale, riapre al pubblico la mostra di Banksy: mascherine, termometri e biglietti scontati
  • Cultura
    Termoscanner e “sensi unici”, palazzo Ducale riapre al pubblico con gli ultimi giorni di Banksy