Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ospedale Galliera: “Nessun uso improprio delle sale nascita”

Più informazioni su

Genova. Nessun uso improprio delle sale operatorie al Galliera per interventi non urgenti. La direzione sanitaria dell’ospedale genovese risponde così alle indiscrezioni di stampa: “Le emergenze e urgenze dell’Ospedale Galliera – ha precisato il direttore sanitario Roberto Tramalloni – sono assicurate regolarmente nei tempi e negli spazi adeguati. Tale condizione operativa ottimale è resa possibile in conseguenza dell’organizzazione dell’attività operatoria del Blocco operatorio Centrale (BOC) sulle 12 ore diurne, dalle 8 alle 20. Infatti le 8 equipe chirurgiche operano quotidianamente su 5 sale al mattino e su 3 al pomeriggio, a rotazione, nelle 8 sale operatorie presenti nel BOC. Ne deriva sempre la disponibilità di sale operatorie libere e attivabili quindi anche per eventuali emergenze/urgenze contemporanee”.

“Il punto nascita del Galliera è uno dei punti di eccellenza del nostro ospedale – ha continuato Tramalloni – ha avuto anche un riconoscimento da parte dell’Osservatorio nazionale sulla salute della Donna e negli ultimi anni ha registrato un aumento costante del numero dei parti, garantendo la tutela delle partorienti in maniera corretta, tempestiva e completa – ha spiegato Roberto Tramalloni Direttore Sanitario dell’Ospedale -Per le nascite abbiamo a disposizione cinque sale operatorie al mattino e tre al pomeriggio.

Siamo quindi in grado di garantire al meglio l’attività chirurgica di urgenza rispetto alle esigenze, anche contemporanee, che si possono presentare nella nostra sala operatoria, perché abbiamo una strutturazione che, allo stato attuale, consente di avere sempre la possibilità di tutelare le urgenze sia per quanto riguarda gli spazi a disposizione che per quanto riguarda il personale”.
Inaugurato nel luglio 2005, saranno circa 1285 i parti effettuati nel 2010 nel punto nascita del Galliera, di cui 474 cesarei, mentre secondo i dati della direzione sanitaria, tra gennaio e la fine di settembre ne sono già stati effettuati 935, tra cui 341 cesarei. La degenza media delle partorienti è meno di tre giorni ed il tasso di occupazione dei posti letto del punto nascita ammonta a circa il 90%.