Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rientro a scuola, la Consulta degli studenti della Liguria: “Serve un tracciamento della Asl”

"Occorre valutare bene l'andamento della situazione, i dati epidemiologici che quotidianamente vengono forniti dalle autorità e gli effetti di un rientro affrettato"

Più informazioni su

Genova. In queste settimane il coordinamento regionale delle Consulte studentesche della Liguria sta seguendo con attenzione il dibattito in merito al ritorno all’attività scolastica in presenza e la preparazione, da parte di tutte le Istituzioni, per rendere possibile questo momento in massima sicurezza.

“Come Consulte degli studenti – spiegano i rappresentati in una nota – teniamo a sottolineare l’importanza della didattica in presenza, che ci permette di tornare a un’interazione vera con i nostri compagni di classe e di scuola e che ci permette di vivere, come è stato per tanti prima di noi, momenti belli e importanti della propria vita. La scuola è il pilastro della società e della cultura del nostro Paese e ad essa devono essere riservate massima attenzione e cura”.

Tuttavia – dicono gli studenti – “riteniamo fondamentale preservare la salute di tutti i cittadini e questo significa evitare di fare scelte di cui potremmo pentirci tra qualche settimana. Da un nostro breve sondaggio tra gli studenti genovesi è emerso che più dei quattro quinti – su 6000 risposte – ritiene che uno slittamento della data di rientro in presenza possa facilitare il contenimento dei contagi”.

Per la Consulta degli studenti quindi occorre “valutare bene l’andamento della situazione, i dati epidemiologici che quotidianamente vengono forniti dalle autorità e, di conseguenza, valutare tutti i possibili effetti anche di un rientro affrettato. Crediamo, inoltre, che per un rientro in sicurezza sia necessario che ognuno di noi assuma sempre un comportamento basato sulla responsabilità civile e individuale Pertanto è fondamentale il rispetto delle norme anti Covid, in ogni momento della propria vita, scolastica o extrascolastica che sia”.

La proposta della Consulta, “al fine di favorire un rientro a breve e in piena sicurezza” è “l’organizzazione di un’attività di tracciamento nelle scuole da parte delle Asl, così da permettere di individuare il più rapidamente possibile eventuali focolai all’interno delle nostre scuole”.