Quantcast
Open

Dal 23 agosto vaccino senza prenotazione in tutti gli hub, priorità al personale scolastico

La novità annunciata dal presidente Toti in vista della riapertura di settembre. A Ferragosto open night al centro vaccinale di Chiavari

Operativo hub sala chiamata porto

Genova. Dal 23 agosto in tutti gli hub della Liguria si apriranno linee di vaccinazione senza prenotazione che daranno priorità al personale scolastico, obbligato ad avere il green pass in vista della riapertura degli istituti a settembre. Lo ha annunciato oggi il presidente della Liguria Giovanni Toti durante una diretta Facebook per fare il punto sull’emergenza Covid.

Oltre ai box che vaccinano su prenotazione ce ne saranno altri che vaccinano su presentazione, senza bisogno di prenotarsi – ha spiegato Toti -. La priorità andrà agli insegnanti perché in questo periodo vengono assegnate le cattedre, molti si trasferiscono in un’altra regione e magari non hanno ancora la tessera sanitaria registrata. Vale per tutti, ma soprattutto per loro”.

In pratica viene superata così la logica degli open day consentendo la vaccinazione ad accesso diretto tutti i giorni a partire dal 23 agosto. Sono confermate invece le open night a Ferragosto soprattutto nel Ponente ligure: in provincia di Genova ci si potrà vaccinare solo al centro di Chiavari dalle 19 alle 22.

In Asl 3 non ci saranno open night ma si lavorerà come sempre, senza pause extra: sabato 14 agosto somministrazioni confermate per tutta la mattinata, domenica tutto fermo e lunedì si riprende con gli orari consueti. Ulteriori open night sono previste per il 18, 20, 23, 25 e 27 agosto ma non ci sono ancora dettagli.

Da oggi, inoltre, si può anticipare la data del richiamo attraverso i consueti canali di prenotazione. Qualunque prenotazione di seconda dose relativa a tutti i punti vaccinali, con la sola esclusione delle farmacie (che dovranno essere contattate direttamente), potrà essere variata già a partire dal giorno successivo alla data di inoculazione della prima dose:

– collegandosi direttamente alla piattaforma “prenotovaccino” (https://prenotovaccino.regione.liguria.it)
– chiamando il numero verde 800 938 818, recandosi presso le farmacie che effettuano il servizio Cup e gli sportelli Cup di Asl e ospedali.

Il cittadino, per ogni tipo di vaccino, potrà scegliere tra tutte quelle disponibili, la data per la seconda dose che preferisce, nei seguenti intervalli:
– Per vaccini Pfizer: da 21 a 42 giorni dalla prima dose
– Per vaccini Moderna: da 28 a 42 giorni dalla prima dose
– Per vaccini Astrazeneca: da 8 a 12 settimane

Il punto vaccinale rimarrà lo stesso della prima dose. Basterà inserire il codice fiscale, il numero dell’appuntamento e il codice annullo riepilogati nel promemoria (eventualmente recuperabile mediante l’apposito servizio offerto dalla medesima piattaforma prenotovaccino). Per qualsiasi eventuale ulteriore informazione, è a disposizione la casella: prenotovaccinocovid@regione.liguria.it

“Sto stalkerizzando la sanità perché non si interrompa la campagna vaccinale – ha commentato Toti – perché al netto di ciò che sento dire in giro l’unica cosa che ci tiene lontani dagli ospedali sono i vaccini. Abbiamo messo in piedi una serie di situazioni che ci consentono di dare un’offerta molto più ampia e di anticipare la seconda dose. Negli ospedali i ricoverati sono quasi tutti non vaccinati. Abbiamo avuto un unico caso in tutto luglio di una persona molto anziana, vaccinata con seconda dose, in terapia intensiva. Dire che avere il vaccino o no è la stessa cosa non sta né in cielo né in terra”.

Più informazioni
leggi anche
vaccino pfizer
In arrivo
Vaccini, in arrivo nuove 350mila dosi. Toti: “Da mercoledì linea dedicata per gli under 17”
vaccino over18 fiera di genova
Esclusi
“Non posso vaccinarmi”, ecco come ottenere l’esenzione che sostituisce il green pass
vaccino covid coronavirus ragazza
I dati
Vaccino Covid agli adolescenti, 13mila in 3 settimane: ma la Liguria è tra le regioni con meno adesioni
Generica
Numeri
Le terapie intensive si riempiono di 60enni non vaccinati, Toti: “Non rischiamo la zona gialla”