Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Berio Cafè resta chiuso per caldo a “tempo indeterminato”: oltre 35 gradi in cucina

La direzione chiede l'intervento immediato del Comune

Genova. La direzione del Berio Cafè, il locale situato all’interno della Biblioteca Civica Berio di Genova, ha deciso di proseguire nella sospensione dell’apertura al pubblico del locale.

La decisione è stata presa sabato scorso quando, a seguito del mal funzionamento del sistema di climatizzazione della Biblioteca, le temperature all’interno del locale hanno superato stabilmente i 30 gradi, arrivando in particolare a toccare i 35 in cucina. La direzione ha ritenuto quindi che le condizioni ambientali registrate non
fossero più idonee per garantire la sicurezza di lavoratori e clienti, nonché il trattamento degli alimenti, che rischiano di essere alterati e di provocare effetti negativi per gli assuntori.

“In dieci anni di permanenza all’interno della biblioteca questa è la prima volta in assoluto che chiudiamo – dichiara Paolo Vanni, responsabile dell’azienda che ha la concessione del locale – e lo facciamo in un periodo di forte presenza di pubblico soprattutto giovanile. Purtroppo il problema della climatizzazione in estate si manifesta da alcuni anni, senza tuttavia che il Comune abbia mai deciso di affrontarlo in modo risolutivo. Quest’anno c’è stata già una prima situazione di difficoltà nel funzionamento della climatizzazione di alcuni spazi che ha coinvolto anche i locali della Biblioteca con la chiusura temporanea di un intero piano dedicato allo studio dei ragazzi”.

Nonostante questo episodio nessun intervento è stato programmato e ieri, di fronte a un nuovo picco di calore, le criticità si sono riproposte puntualmente.

“Ci troviamo di fronte a veri e propri rischi per la salute delle persone e in questo caso non c’è altra considerazione che agire responsabilmente per la salvaguardia dei lavoratori e dei nostri clienti – conclude Vanni – Il locale rimarrà pertanto chiuso finchè non verranno date assicurazioni certe e permanenti sul funzionamento del sistema di climatizzazione”.

La direzione del locale si scusa e si augura che i cittadini comprendano le motivazioni delle scelte assunte.