Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Di Francesco: “Squadra più equilibrata e con carattere, ripartiamo da qui” risultati

L'analisi dopo la prima vittoria contro il Torino

Genova. La Sampdoria ha sconfitto anche la paura di vincere. Quando la classifica è così negativa subentrano meccanismi mentali che rischiano di trasformarsi in un circolo vizioso, invece, questa volta, secondo Di Francesco, la squadra ha mostrato un grande equilibrio, pur peccando ancora di precisione.

“Questa vittoria determinerà parecchie cose anche dal punto di vista della crescita della squadra”, dice il mister, che analizza gli aspetti positivi visti oggi: “Sino a oggi eravamo la squadra che aveva perso più duelli, dovevamo alzare la determinazione. Possiamo metterci in campo come vogliamo ma senza la cattiveria tutto va a farsi friggere”.

Oggi con la difesa a 5, Di Francesco evidenzia quante volte il Torino sia stato messo in fuorigioco: “Stiamo migliorando nel rimanere alti col pallone”.

Dal punto di vista tattico mostra che l’aver posizionato Bereszynski centrale alla fine non era poi così traumatico: “È solo una questione di testa, anche perché il terzino nella difesa a 4 spesso lo diventa”.

La vittoria comunque fa bene a tutti, mister compreso: “Mi sono arrabbiato di meno, nell’errore comunque vedevo gli atteggiamenti giusti. Questo deve essere però un punto di partenza, non di arrivo, dobbiamo ripulirci delle sconfitte precedenti. Intanto stiamo continuando a lavorare bene sui calci piazzati e i calci d’angolo. Poi volevo una squadra nuova e così è stato. Siamo stati quasi perfetti dal punto di vista difensivo. Partiamo da questo per giocare meglio quando offendiamo”.

Di Francesco sottolinea anche un altro aspetto: “Questa è stata una partita positiva anche nella comunicazione, ho visto diversi giocatori che guidavano il gruppo”.

Sull’uscita di Gabbiadini, uno dei migliori in campo, Di Francesco spiega che è stata una decisione di entrambi: “Aveva un fastidio all’adduttore. Ha approcciato bene la partita, da lui mi aspetto sempre di più. Oggi è stato decisivo, sono contento per lui, va sostenuto e aiutato”.

Sul sostegno del pubblico, che non è mancato, il mister blucerchiato evidenzia: “Ci hanno trascinato, hanno visto che non molliamo, che non tiriamo indietro la gamba, un atteggiamento diverso”.