Step importante

Ponte Genova, firmato progetto esecutivo. Il subcommissario: “In Italia servono 34 mesi per arrivare a questo punto”

Sarà redatto, in base a futuri approfondimenti necessari, un progetto esecutivo di secondo livello

Genova. E’ stato firmato dal commissario per la ricostruzione Marco Bucci il decreto che approva il progetto esecutivo del futuro viadotto Polcevera. Il documento è stato presentato dal sindaco e commissario insieme al viceministro Edoardo Rixi, ai subcommissari Ugo Ballerini e Piero Floreani. Presenti anche il rup Maurizio Michelini, il responsabile del project management Roberto Carpaneto, l’avvocato di Stato Anna Bonomo, il direttore della struttura commissariale Roberto Tedeschi e la figura di riferimento per i temi ambientali Luciano Grasso.

“Il decreto autorizza il passaggio alla fase due dei lavori – ha detto Bucci – da progetto definitivo a progetto esecutivo, visto che sono raccolte tutte le autorizzazioni necessarie a iniziare i lavori. Abbiamo tante deroghe e avere un treno senza binari forse può essere ancora più difficile che viaggiare su dei binari, può significare correre più rischi, ma oggi la struttura commissariale è robusta”.

Il subcommissario Ballerini ha spiegato che in Italia per arrivare a una fase simile di un’opera pubblica, partendo da zero, “sono necessari 34 mesi, noi ci siamo arrivati in quattro mesi e mezzo”. Anche il viceministro Rixi ha sottolineato: “Una nazione che si riprende da una tragedia di questo tipo in 12 – 24 mesi è una nazione che può giocare ancora un ruolo importante nel mondo”.

Il progetto esecutivo di primo livello recepisce alcuni suggerimenti arrivati con il parere del consiglio superiore dei lavori pubblici, “ma si tratta di soluzioni ingegneristiche che non modificheranno l’aspetto architettonico del viadotto ispirato al disegno di Renzo Piano”, spiegano dalla struttura commissariale. Sarà redatto, in base a futuri approfondimenti necessari, un progetto esecutivo di secondo livello.