Cronaca

Genova, attentato Adinolfi: eseguita la perizia medica

santolini operazione adinolfi

Genova. E’ stata eseguita ieri la perizia medica sulla ferita di Roberto Adinolfi, l’amministratore delegato di Ansaldo Nucleare ferito in un attentato lunedì scorso a Genova. Il dottor Marco Salvi, consulente tecnico incaricato dalla Procura di Genova, ha riferito che l’ingegner Adinolfi ha subito una ferita d’arma da fuoco all’altezza del ginocchio destro.

Lo sparo è stato effettuato alle spalle, da distanza ravvicinata, il proiettile è entrato dietro il ginocchio e ha scheggiato la tibia, per poi fuoriuscire. Nei prossimi giorni la perizia tecnica sarà consegnata ai pm che coordinano le indagini, Silvio Franz e Nicola Piacente. Il referto è considerato utile per stabilire la dinamica esatta del ferimento. Nei confronti dell’ingegner Adinolfi è stata confermata una prognosi 40-45 giorni.

Intanto, secondo indiscrezioni ancora non confermate dalla Procura, ieri sarebbero state effettuate perquisizioni nel carcere di Catanzaro dove sono detenuti Gianfranco Zoja e Massimo Riccardo Porcile, i due liguri che militavano nella cellula eversiva smantellata nel giugno del 2009 da un’operazione della polizia.