Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spiagge libere a numero chiuso, il Comune di Santa Margherita: “Andate solo mezza giornata”

Il sindaco Donadoni vara la nuova ordinanza: vietato accedere di notte

Santa Margherita Ligure. In vista del fine settimana e del ponte del 2 giugno, riaprono le spiagge libere anche a Santa Margherita Ligure. Il sindaco Paolo Donadoni ha firmato un apposito provvedimento che, recependo le direttive nazionali e regionali, consente la fruizione totale degli arenili liberi.

La novità rispetto agli altri comuni è che i bagnanti saranno invitati a non sostare più di mezza giornata, in modo da consentire a tutti la possibilità di fare il bagno. Ci saranno cartelloni che illustreranno, in italiano e inglese, le norme comportamentali da tenere, sia sull’arenile sia in acqua utili, e le regole di accesso. Vietato accedere alle spiagge libere e alle scogliere nella fascia oraria 24-6, fatta eccezione per coloro che praticano pesca sportiva o per comprovate esigenze lavorative.

“Dopo aver incontrato i rappresentanti di categoria dei balneari e dei commercianti – spiega il sindaco Paolo Donadoni – è emersa la richiesta di anticipare l’apertura delle spiagge libere di qualche giorno rispetto al 3 giugno, inizio della stagione balneare in Liguria, per poter sfruttare il ponte del 2 giugno. E così abbiamo lavorato in questa direzione arrivando al provvedimento odierno. Ringrazio tutta l’Amministrazione e gli uffici per il lavoro svolto”.

La nuova ordinanza disciplina anche le modalità di gestione e di fruizione degli stabilimenti balneari e delle spiagge libere attrezzate le quali, in deroga all’inizio della stagione balneare del 3 giugno 2020, potranno anticipare l’apertura con attività elioterapica.

“Un altro passo in avanti verso la normalità – conclude Donadoni – Santa Margherita Ligure non rinuncia al suo essere accogliente verso tutti con la consapevolezza però che siamo ancora in emergenza sanitaria e che gli esperti ci dicono di non abbassare la guardia”.