Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, Toti: “La riapertura delle scuole potrebbe slittare ancora”. Oggi la decisione

Rebus dispenser, le scuole non riescono a mettersi a norma: "Vedremo se saranno in grado, altrimenti altri tre giorni di chiusura"

Più informazioni su

Genova. È possibile che la riapertura delle scuole “slitti ancora, lo decideremo quando ne avremo contezza“. Lo ha detto il governatore Giovanni Toti durante la diretta Facebook in cui ha risposto alle domande dei liguri sull’emergenza coronavirus. Dunque il rientro in classe, che per le province liguri fuori dalla zona gialla savonese era previsto per mercoledì, potrebbe subire un ulteriore ritardo, senza escludere che si arrivi a due settimane consecutive di chiusura.

“Vedremo se le scuole sono in grado di applicare le procedure minime” previste dal ministero, ha spiegato Toti, “e poi decideremo domani se vale la pena tenerle chiuse ancora tre giorni, anche per completare la semplice formazione del personale, o se potremo riaprire”. Il governo nell’ultimo decreto aveva stabilito che le lezioni riprendessero già oggi (lunedì), ma la Regione ha concesso altri due giorni per adeguarsi alle misure di prevenzione stabilite dal ministero della salute.

Ed è proprio il rebus dei dispenser a complicare la situazione in queste ore. Come abbiamo spiegato sulle nostre pagine web, i distributori di disinfettante sono pressoché introvabili e diversi istituti stanno riscontrando difficoltà a effettuare gli ordini. Nel migliore dei casi i rifornimenti arriverebbero oltre mercoledì, rendendo impossibile aprire le classi con i gel igienizzanti in dotazione. Tra i presidi, inoltre, non c’è concordia sull’interpretazione delle direttive: ne serve uno per ogni aula o ne bastano meno?

Il risultato è che i liguri – savonesi a parte, visto che in quella provincia vige la chiusura agli studenti per tutta la settimana – dovranno sopportare altre ore di incertezza. “Capisco che è scomodo organizzarsi la vita con queste decisioni prese sempre all’ultimo momento, ma la progressione del virus, i nuovi casi che si manifestano, la capacità di adeguarci tutti a queste nuove esigenze comporta di utilizzare tutto il tempo possibile per prendere le migliori decisioni”, ha spiegato Toti.