Santa Margherita Ligure, ciclo di incontri a Villa Durazzo - Genova 24
Economia

Santa Margherita Ligure, ciclo di incontri a Villa Durazzo

villa durazzo Santa Margherita

Al via una serie di conferenze a Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure in cui illustrissimi professori ed esperti, nonché attori degli ultimi anni degli scenari internazionali, si alterneranno nel prestigioso Salone degli Stucchi. Il ciclo di incontri è organizzato dalla Progetto Santa Margherita srl in collaborazione con l’associazione Amici del CISI (centro Internazionale di Studi Italiani). Il primo appuntamento è in programma lunedì 30 gennaio alle ore 17:00. Relatore sarà il prof Zeffiro Ciuffolotti, ordinario di storia contemporanea all’università di Firenze; importante filosofo e analista politico italiano. Il suo incontro avrà come titolo “Perché manca una cultura liberale in Italia”.

La questione della “mancanza della cultura liberale in Italia” è complessa, come si dice, anche perché non è un dato assoluto, ma relativo e diversificato nel tempo. Per un’analisi storica del problema occorre delineare una scaletta dei punti che intendo affrontare. Il diverso esito del liberalismo in Inghilterra e in America rispetto al continente europeo influenzato dal modello giacobino francese e dallo statalismo napoleonico.

Il Risorgimento italiano e le componenti liberali che informarono la nascita dello Stato liberale. La crisi dello Stato liberale e il sopravvento delle culture illiberali che favorirono il fascismo come miscela di Stato etico, nazionalismo e social-corporativismo. La Repubblica dei partiti e il progressivo dominio delle culture politiche consociative, e la “retorica italiana” come negazione della realtà e come doppiezza necessaria al predominio dell’oligarchia di partito sulle masse popolari.

La miscela finale di giacobinismo e giustizialismo come retorica italiana dominante da “mani pulite” ai “pentastellati”. Liberalismo e realismo come risposta alla reazione alla globalizzazione senza cadere nel nazionalismo populista e nel conformismo liberal del politicamente corretto.

Tra i nomi che si alterneranno a Villa Durazzo si possono anticipare Marco Magnani e Antonio Fazio.