Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sestri Levante, ecco la nuova giunta Ghio

Tre uomini e tre donne, due le riconferme

Sestri Levante. Una giunta rinnovata per il 60% rispetto a cinque anni fa, quella di Valentina Ghio, appena rieletta al primo turno sindaco di Sestri Levante.

“C’è la conferma di figure fondamentali, come il vicesindaco Pietro Gianelli e Lucia Pinasco – dice Ghio – anche il grande consenso che i cittadini hanno tributato loro è la conferma della qualità del loro operato. A loro si aggiungono 3 figure nuove, con competenze specifiche ed esperienze amministrative consolidate. Due, oltre a me, le donne in giunta. L’obiettivo è innovare, mantenendo alcuni punti di esperienza e figure che possano dare un contributo anche tecnico ai cambiamenti e alle sfide che abbiamo da affrontare”.

Il sindaco traccia il percorso: attenzione all’ambiente, rete dei servizi, riorganizzazione della macchina comunale, cura della città, realizzazione del depuratore, sviluppo e promozione di Sestri Levante e della sua immagine nel comprensorio. «Voglio intendere il lavoro della giunta come un lavoro di squadra, sia nel rapporto tra
gli Assessori, sia nella collaborazione con la maggioranza, con il consiglio comunale, con le nostre società partecipate, Stella Polare e Mediaterraneo in particolare, e con la città».

Annunciate anche le riunioni di giunta nei quartieri

Questa la distribuzione degli incarichi:
Valentina Ghio – sindaco
Tiene per sé le deleghe di Programmazione urbanistica ed edilizia privata, Turismo, Personale, Semplificazione e partecipazione, Comunicazione istituzionale, Tavolo blu e Pesca.
“Ho scelto di confermare in questa fase alcune deleghe che ho svolto in questi anni – spiega – a partire dal lavoro che si sta concludendo sull’urbanistica e la redazione del nuovo Puc e la riorganizzazione della macchina comunale, e per consolidare il lavoro sul turismo, che in grande sinergia con gli operatori, stiamo portando avanti”.

Pietro Gianelli – vicesindaco
Deleghe al Bilancio, Patrimonio, Programmazione economica e finanziaria, Tributi, Affari legali e contratti, Servizi demografici, Rapporti con le società partecipate.

Lucia Pinasco
Deleghe ai Servizi sociali, Salute, Città accessibile, Piano sociale di comunità, Politiche giovanili e per la Famiglia, Istruzione e politiche per l’infanzia, Lavoro, Pari opportunità.

Mauro Battilana
Deleghe all’Ambiente e difesa suolo, Protezione civile, Agricoltura, Energia, Rifiuti, Sport, Polizia municipale e Sicurezza.
“Mauro Battilana – dice Ghio – ha dimostrato in questi anni un lavoro molto attento sulla difesa del territorio e di attenzione costante su questi temi, sia come consigliere comunale sia nell’associazionismo. In particolare nell’ambito della cura e tutela dei sentieri e dell’agricoltura e olivicoltura ha sviluppato progetti di crescita come consigliere delegato. Il suo è un assessorato “al territorio” in senso globale, compresa la sicurezza e la Polizia Municipale che sono il primo punto di riferimento per
molti cittadini”.

Maria Elisa Bixio
Deleghe al Commercio, alla Cultura e agli Eventi, allo Sviluppo economico e le Attività produttive, alla Promozione e al Marketing Territoriale.
“Ho chiesto a Elisa Bixio – spiega Ghio di assumere le deleghe al Commercio, alle Politiche economiche e di Sviluppo della città, assieme a quelle della Cultura e agli Eventi che aveva già seguito nello scorso mandato. La città sta vivendo una fase di particolare crescita e sono molte le azioni che vogliamo sostenere, coordinate sotto un unico assessorato allo sviluppo territoriale. In particolare sul commercio ci sono sfide di rilievo che ci attendono, come l’attuazione dell’integrazione dei patti d’area e la progettazione delle no tax aree per sostenere lo sviluppo di zone della città. Anche sulla
cultura si aprono percorsi importanti come il progetto di valorizzazione di circuiti di arte e memoria del territorio”.

Paolo Valentino
Deleghe ai Lavori pubblici, Decoro urbano e cura della città – Progetto “Cura Quotidiana”, Depurazione delle acque e rete idrica, Demanio marittimo e Politiche per la mobilità, Servizi tecnologici.
Si tratta di una figura tecnica esterna “ma che conosce la macchina comunale e la sua struttura”, assicura Ghio.