Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Lavagnese sgretola il Chieri ed è in finale playoff

Forte, Balestrero, Brega e un super Damiani calano la manita contro un Chieri mai in partita. E ora si torna a Caronno per vincere e sperare nel ripescaggio

Più informazioni su

Lavagna. Finita la regular season cominciano gli spareggi, con i playoff che vedeva impegnata la Lavagnese autrice di una stagione più che positiva. Dopo aver raggiunto un nuovo record di punti in campionato, i bianconeri si impongono fra le mura amiche del “Riboli” su un Chieri spento rispetto a quanto visto in stagione. 5-2 in una partita che non ha avuto storia e Lavagnese che vola in finale contro la Caronnese vittoriosa nell’altro scontro per 2-0 contro l’Argentina.

I ragazzi di Dagnino spingono da subito sull’acceleratore e mettono in difficoltà i piemontesi, ai quali per passare serve necessariamente una vittoria. Dopo mezzora di controllo del gioco al 35° Damiani trova la conclusione dai 30 metri che non lascia scampo a Bambino, estremo difensore del Chieri. Di fronte a un pubblico gremito la Lavagnese prende quindi ancora più coraggio e spinge, chiudendo in sostanza in un quarto d’ora la partita. Al 37° calcio d’angolo con la sfera che giunge a Forte, il quale si esibisce in una bella rovesciata che punta più sulla precisione che sulla potenza e si va sul 2-0. Il Chieri sbanda e cerca di arrivare presto all’intervallo, ma al 40° arriva il tris. Croci calcia, ma trova la respinta di Bambino, che non ha fatto i conti, però con Damiani, in giornata da bomber, che arriva e ribadisce in rete la terza marcatura che di fatto mette in cassaforte il passaggio del turno.

Nella ripresa i piemontesi vogliono cercare almeno di provare a tornare in partita, ma al 58° Damiani, scatenatissimo se ne va in area e viene atterrato. Dal dischetto va il giovane Brega che non sbaglia e la Lavagnese cala il poker.  Dieci minuti dopo il Chieri si scuote sull’asse D’Antoni – Di Renzo, molto meno ispirati rispetto al campionato. Di Renzo crossa e D’Antoni insacca. Poco dopo arriva anche il secondo gol piemontese che illude gli ospiti di poter riaprire i giochi, ma al 74° Balestrero mette il sigillo al match con una frustata secca che chiude definitivamente i giochi e manda la Lavagnese alla finale contro la Caronnese.