Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavagnese: prosegue la crisi. Sestri, salvezza ancora da conquistare risultati

I bianconeri subiscono la quarta sconfitta consecutiva, mentre i Corsari cadono a Massa e ora non possono più sbagliare. Ligorna che esce indenne dalla traferta di Ghivizzano e cerca il record di punti

Due giornate dalla fine della stagione per la Serie D, un campionato non semplice per le genovesi fra le quali spicca il Ligorna, la migliore delle tre che ha disputato un torneo anche al di sopra delle aspettative ed esce imbattuto dallo stadio del Ghivizzano, squadra che condivide i punti con i ragazzi di Monteforte. Squadre che giocano quindi senza ansie e possono confrontarsi alla pari. 

Ne deriva una gara in cui trovano spazio alcune seconde linee a partire dal giovane portiere Viola. Le squadre non hanno fretta di esporsi e la gara fatica a decollare con il primo sussulto che è di targa genovese: Valenti ci prova dalla media distanza, para il portiere. Poco dopo Chiarabini ci prova di testa, che non è l’arma migliore del fantasista biancoblù, ma ciò nonostante è solo la traversa a negare la gioia al numero 10 ospite. 

Nel secondo tempo il Ghivizzano prova a farsi vedere dalle parti di Viola con l’ex lavagnese Di Paola che di testa tenta due volte il gol, ma in entrambi i casi la presa è semplice per l’estremo difensore genovese. Il Ligorna si fa comunque preferire anche se i tiri di Panepinto su punizione e Oneto vengono disinnescati da Citti, portiere biancorosso. Finisce 0-0 con le due squadre appagate e ormai salve, che non hanno spinto troppo, complice anche una giornata dalla temperatura estiva. Per il Ligorna ora due gare in cui cercare di fare il record di punti in Serie D, ma anche per dare spazio ai giovani della “cantera” biancoblù. 

Anche la Lavagnese è salva, con il minimo sindacale, ma non si può dire che il finale di stagione sia sereno per i bianconeri che incassano la quarta sconfitta consecutiva. Neanche la spinta del “Riboli” riesce a scuotere i ragazzi allenati da Gianni Nucera che non pare aver inciso molto sull’undici bianconero.

Contro il San Donato Tavarnelle arriva l’ennesimo ko di stretta misura, ma forse anche la peggior prestazione dell’11 levantino che non riesce a trovare il gol e viene sconfitto per il gol di Carnevale il quale sblocca la gara al 6°. Parziale che col tempo diventa definitivo anche perché i lavagnesi non sono mai pericolosi e i tiri di Basso e Mobilio si spengono prima di arrivare in porta. Ancora Mobilio ci prova a dieci minuti dalla fine della frazione, ma difetta di precisione. 

Nel secondo tempo Nucera prova a scuotere i suoi, ma è il San Donato a sfiorare il raddoppio con Islamaj che chiama Nassano al volo plastico. Poi la Lavagnese prende il sopravvento territoriale, schiacciando gli avversari nella propria metà campo. Ancora Mobilio prova la via del gol senza fortuna, poi è Frugoli che tenta la conclusione senza esito. Miglior occasione ancora per Mobilio, l’ultimo ad arrendersi che colpisce un palo dalla media distanza. Finisce 0-1 e il San Donato può festeggiare il suo momento d’oro, mentre i bianconeri devono cercare di concludere al meglio un campionato a due facce.

Manca poco alla salvezza per il Sestri Levante, ma è una condizione che dura da settimane ed il secondo ko di fila mette in allarme i rossoblù che sono ancora a +11 sullo Scandicci e a +4 sulla Rignanese, ma che non devono addormentarsi visto che i 6 punti ancora in palio nelle ultime due gare potrebbero ritorcersi contro la squadra allenata da Dell’Atti.

A Massa Carrara arriva una sconfitta di stretta misura firmata da Gioé che al 72° firma la rete decisiva con un colpo di testa. Ora per i Corsari arriva una gara decisiva quanto difficile. Al “Sivori” arriverà il Finale furioso per il ko nel derby con l’Albissola e che deve guardarsi dal ritorno dello Scandicci (vittoriosi inaspettatamente a Savona e ora a soli due punti dai giallorossi). 

I rossoblù chiederanno una mano ai cugini del Ligorna che ospiteranno una Rignanese gasata dalla vittoria sul Montecatini e che potrebbe accorciare a -1 sui sestrini e alla Lavagnese farà visita allo Scandicci che si giocherà il tutto per tutto.