Ingerisce involucri pieni di cocaina durante un controllo: spacciatore arrestato dalla locale - Genova 24
Rischio vita

Ingerisce involucri pieni di cocaina durante un controllo: spacciatore arrestato dalla locale

Portato in ospedale, è stato sedato per procedere al controllo

Generica

Genova. Nei giorni scorsi gli agenti della polizia locale del Nucleo Reati Predatori, hanno arrestato un ragazzo di 21 anni originario del Gabon per il reato di spaccio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale: durante un controllo il giovane ha provato ad ingerire alcuni involucri contenente cocaina che nascondeva in bocca.

Il ragazzo è stato fermato nei portici di via XII Ottobre alla richiesta degli agenti di mostrare i documenti ha detto di non averli. Proprio mentre rispondeva, gli agenti si sono resi conto che teneva in bocca alcuni piccoli involucri di colore giallo. I poliziotti sono riusciti a farsi consegnare i 17 involucri che il 21enne teneva in bocca, ma, temendo che ne potesse aver ingerito alcuni mettendo anche a repentaglio la sua vita e la sua salute, in accordo col magistrato di turno, lo hanno portato all’ospedale Villa Scassi per verificare la circostanza e perché un medico potesse visitarlo.

Lì, dopo alcuni tentativi e dopo che l’uomo si era scagliato contro gli agenti stracciando la giacca di uno di questi, il medico ha deciso di sedarlo per procedere agli esami del caso. L’accertamento ha permesso di stabilire che lo straniero aveva ingerito altre 6 dosi. Il ventunenne stato trattenuto in ospedale fino a quando non le ha evacuate.

Alla fine sono stati sequestrati 23 involucri contenenti cocaina per un totale di 13,88 grammi lordi (17 occultate nella cavità orale, 6 espulse in seguito ad evacuazioni corporee) oltre a 1.530 euro (1.500 nella tasca della giacca e 30 custodite nel portafoglio) dei quali il ragazzo non è stato in grado di giustificare la provenienza. Al processo per direttissima l’arresto deciso dalla polizia locale per spaccio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale è stato confermato ed è stata decisa per l’uomo la custodia cautelare in carcere.