Quantcast
Sport

Calcio, Promozione girone A: il punto sul campionato

P1290621

Genova. Il campionato di Promozione, girone A, è giunto ormai ai due terzi del cammino ed ha consacrato la Sestrese come regina assoluta. La compagine genovese sta sgretolando la resistenza delle pur agguerrite avversarie, disputando un super campionato: 43 punti ottenuti, rivenienti da 13 vittorie, 4 pareggi ed 1 sola sconfitta, con ben 47 reti segnate, contro le 14 subite (media punti 2,4 a partita). Sono numeri che parlano da soli e che mettono in risalto il predominio tecnico/tattico della società verdestellata, pronta a rientrare in grande stile nei campionati superiori a lei più consoni.

Alle spalle della Sestrese (allenata dal Mister Luca Monteforte e trascinata dai goal dell’attaccante Lorenzo Anselmo) impazza la lotta per le posizioni che garantiscono il diritto alla disputa dei play off, che vede protagonista, fra le altre, la squadra savonese del Quiliano, attualmente vice capolista. Il team biancorosso è solo in parte una rivelazione, in quanto fra le sue fila giocano elementi quali Rossano Cancellara (portiere) e Marco Dessi (difensore centarle) che da anni disputano stagioni di livello assoluto.

Le altre squadre che sembrano maggiormente accreditate per disputare un finale di stagione in crescendo sono la Loanesi del bomber Simone Lupo e le due genovesi Serra Riccò (in cui spicca la punta Giovanni Di Pietro) e la Voltrese (allenata da Mister Fulvio Navone), che in queste ultime stagioni sono sempre state protagoniste di campionati interessanti.

Segue poi un gruppo di squadre (Golfodianese, Carcarese, Cogoleto, Ceriale, Argentina e Virtus Sestri), separate da un divario di soli 6 punti, che si trovano in mezzo ad un guado, tra mire di media/alta classifica e il rischio di vedersi risucchiate in  zone meno nobili del torneo.

La lotta per ottenere la salvezza, al momento, vede impegnate le ultime cinque squadre (dal Bragno al fanalino di coda San Cipriano), che venderanno cara la pelle, in primis per non retrocedere direttamente a fine torneo, ma possibilmente anche per non finire nel novero delle quattro squadre che disputeranno i play out.

Claudio Nucci