Boss trovato morto nella galleria di Principe, aperta indagine per omicidio colposo - Genova 24
Il caso

Boss trovato morto nella galleria di Principe, aperta indagine per omicidio colposo

Polfer e squadra mobile escludono l'omicidio ma sul corpo dell'uomo, che era appena uscito dal carcere di Asti, è stata disposta l'autopsia

Generico novembre 2021

Genova. La procura di Genova ha aperto un fascicolo a carico di ignoti sulla morte di Totò Di Gangi. La notizia è riportata dall’Ansa.

L’uomo, 80 anni, considerato uno dei fedelissimi di Toto Riina, era stato scarcerato da Asti – dove si trovava per scontare 17 anni per associazione a delinquere di stampo mafioso – per motivi di salute legati a deficit cognitivi stabiliti da una perizia.

Il sostituto procuratore della Dda Federico Manotti ha disposto l’autopsia. Sul caso stanno indagando la squadra mobile di Genova e gli agenti della polizia ferroviaria.

Al momento la questura genovese esclude che possa essersi trattato di un omicidio e propende per una disgrazia. Di Gangi, che era in custodia cautelare ad Asti, era stato scarcerato perché molto malato.

Secondo una prima ricostruzione l’anziano è sceso dal treno alla stazione di Genova Principe e si è incamminato in una vicina galleria ferroviaria, forse perché spaesato, forse proprio per i suoi problemi di salute, ed è stato investito da un convoglio.

Il cadavere è stato ritrovato in serata. A travolgerlo un treno merci da un treno merci. Di Gangi aveva in tasca un biglietto ferroviario. Stava tornando al sud, forse proprio nella sua Sciacca.

Più informazioni
leggi anche
Polfer
Dettaglio
Boss morto in galleria a Principe, era diretto in Sicilia ma è sceso perché senza green pass
Generica
Gravissimo
Colpito da un treno nella galleria tra Principe e Brignole: sessantenne in codice rosso al San Martino