Stalker di Savignone, tutti i dettagli della vicenda

“Si era finto morto su Facebook per attirare l’attenzione della sua ex. Lei, aveva fissato un appuntamento con l’amico che l’aveva avvertita e tenuta aggiornata. All’uscita del casello di Busalla, luogo deputato per l’incontro, aveva trovato però l’ex compagno. Dopo una chiacchierata di tre ore, sfociata in una lite furiosa, l’uomo era impazzito e, dopo aver danneggiato l’auto della donna era stato fermato. Sabato scorso la donna era stata aggredita nella sua macchina di nuovo dall’ex fidanzato, riuscendo a scappare. L’uomo aveva rubato l’auto per poi abbandonarla e fuggire a piedi”.

Il Capitano della Compagnia dei Carabinieri di Genova S.Martino racconta ai microfoni di Genova24.it i dettagli che hanno portato all’arresto dello stalker di Savignone