Quantcast

La Concordia perde i pezzi più grandi, vicini al ponte “zero”

Genova. Una porta ormai arrugginita che portava, molto probabilmente a una sala che viene, con forza staccata dalla lamiera. Il gigante del mare, a poco a poco, perde i pezzi anche quelli più grandi per diventare, nei prossimi mesi, a un semplice, enorme, scafo bianco che sarà trasportato dall’ex superbacino ai bacini di carenaggio per essere sezionato e smaltito.

Sono le ultime immagini di Costa Concodia, riprese a quattro anni dalla tragedia dell’isola del Giglio costata 32 vittime tra passeggeri e membri dell’equipaggio a mostrare cosa resta di quella che fu l’ammiraglia della flotta costa.

I lavori di demolizione proseguono secondo i programmi fino a quando, arrivati al ponte “zero” saranno fatte le operazioni per rendere stagno lo scafo permettendo un sistema di galleggiamento autonomo. A quel punto saranno rimossi gli “strand jack” e i cassoni, alcuni sono stati già staccati dalla nave, e la Concordia sarà pronta per il suo ultimo viaggio, tutto interno all’area dei bacini, per lo smaltimento finale.