Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bilancio Genova, aumento Imu al 5,8 per mille e stangata sul canone concordato. Doria: “Manovra obbligata”

“Comprimere sotto gli 830 milioni la spesa del Comune, avrebbe significato non più risparmi virtuosi ma tagli dolorosi e insostenibili. Da qui l’obbligo di operare una manovra per aumentare le entrate, facendo leva sugli immobili, lo strumento che i Comuni hanno. Non fa piacere un’ imposizione fiscale in un paese bizzarro come questo, ma abbiamo cercato di fare una scelta: gravare su imprese e lavoro, più che sui redditi, sarebbe stato pesantissimo e intollerabile. Abbiamo scelto di cambiare Tares e aliquota Imu per alleggerire il peso sulle imprese e le attività economiche”.

Così il sindaco Marco Doria ha spiegato la scelta politica che ha portato la sua giunta ad approvare il bilancio previsionale 2013, aumento dell’Imu sulla prima casa compreso. Stangata anche per i contratti a canone concordato la cui aliquota sale dal 7,6 al 9,5 per mille.

Mostra tutto il testo Nascondi