martedì
2
Febbraio

Servizio civile, incontro di presentazione dei progetti della Comunità Papa Giovanni XXIII

martedì
2
Febbraio

Giovani fra i 18 e i 28 anni e impegnati in attività educative e di sostegno a persone con diverse tipologie di disabilità, adulti in situazione di disagio economico sociale, minori a rischio o maltrattati: sono le proposte attivate da Comunità Papa Giovanni XXIII, UILDM Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare e Cesc Project all’interno del bando per il Servizio Civile Universale nella città metropolitana di Genova e nelle province di Savona, Imperia e La Spezia.

Martedì 2 febbraio alle ore 17:30 si terrà un incontro online di presentazione del programma 2020 (è necessario compilare il modulo di iscrizione). I progetti “Se io fossi un angelo” e “Andiamo oltre. Conoscere crescere condividere” prevedono la misura aggiuntiva del “tutoraggio”, ovvero un percorso finalizzato a supportare il mondo giovanile, che spesso si caratterizza per scarse o assenti esperienze professionali alle spalle. Il progetto “Ci sono anch’io” prevede invece la misura aggiuntiva “minori opportunità” con 2 posti riservati a giovani con bassa scolarizzazione nelle sedi di Genova e Finale Ligure.

Possono partecipare al bando i giovani, senza distinzione di sesso, che al momento della presentazione della domanda abbiano compiuto 18 anni e ne abbiano meno di 29. È concessa una deroga ai giovani che hanno interrotto a causa dell’emergenza sanitaria il servizio civile nel bando 2019, anche se hanno già compiuto i 29 anni. È possibile presentare domanda di adesione entro il 15 febbraio. I giovani ricevono un contributo spese di 439,50 € mensili.

“Il servizio civile per i giovani può essere una palestra di vita e un’occasione per divenire cittadini attivi, difendendo gli ultimi ed educando alla pace”, afferma Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII.

segnala il tuo evento gratuitamente +