Profili d’autore: il monte Treggin - Genova24.it
domenica
10
Ottobre

Profili d’autore: il monte Treggin

domenica
10
Ottobre
Profili d’autore: il monte Treggin

I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria.

L’escursione proposta culmina in vetta al grande blocco di diaspro del Treggin, la cui divertente cresta rocciosa va affrontata con attenzione.

Bisogna scrivere all’indirizzo mail escursionismoliguria@gmail.com oppure numero WhatApp 342.9963552 specificando i seguenti dati: nome, cognome, numero di cellulare, codice fiscale e residenza.

PRESENTAZIONE di Enrico Bottino – Trekking promoter

La roccia è decisiva per la forma delle montagne! Quella del Treggin non passa inosservata: è un grande blocco di diaspro, una roccia sedimentaria colore rosso mattone, composta da quarzo e contenente inclusioni microcristalline di ossidi di ferro, principalmente ematite. Un vero piacere per escursionisti appassionati di minerali. L’escursione ad anello dai forti contenuti paesaggistici, naturalistici e culturali, consentirà di vedere anche una zona umida di estremo interesse, Pian del Lago. Qui è stato accertato dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici della Liguria il deposito torboso più antico della Liguria orientale, risalente a circa 10000 anni fa.

L’ITINERARIO
Dalla piazzetta di Bargone, famoso soprattutto per essere il regno delle fragole, un sentiero guadagna quota lungo la valletta del rio Figallo. La parte iniziale del percorso graverà sulle vostre gambe, ma da Colle Lencisa sopraggiunge la parte più divertente e impegnativa dell’escursione: la rupe rocciosa di diaspri e ofiliti termina presso la cima del Treggin (870 metri). Nulla di impossibile, ma è meglio avere passo sicuro e non farsi distrarre dall’ampio panorama. Verso ovest, alla fine del crestone sommitale si attraversa una fresca radura di roverelle. La tappa successiva è Pian del Lago, o Lago di Bargone, una delle poche zone umide che si trovano sul versante marittimo dell’Appennino: se saremo fortunati troveremo mandrie al pascolo. Da qui, dopo aver attraversato un ambiente prativo, perderete quota nella penombra di un castagneto, fino a convergere su una strada sterrata che vi riporterà a Bargone.

Testo di Enrico Bottino

NOTE IMPORTANTI
L’itinerario vede la partecipazione di una guida ambientale escursionistica, figura professionale che ha il compito principale di accompagnare il gruppo illustrando loro le caratteristiche culturali, ambientali, morfologiche e paesaggistiche dell’area visitata.

SEGUONO I DATI TECNICI E LOGISTICI DELL’ESCURSIONE

Tipologia itinerario: escursione ad anello

Data: Domenica 10 Ottobre

Quota di partecipazione: 15 euro. La quota comprende l’organizzazione tecnica e l’accompagnamento di una guida ambientale ed escursionistica. La quota non comprende l’assicurazione, il viaggio e il pranzo al sacco.

Iscrizione obbligatoria
Bisogna scrivere all’indirizzo mail escursionismoliguria@gmail.com specificando i seguenti dati: nome, cognome, numero di cellulare, codice fiscale e residenza. In caso di rinuncia, si prega di avvertirci tempestivamente.

Appuntamento ore 10:00 in piazza a Bargone, comune alle spalle di Sestri Levante e Casarza Ligure.

Rientro fine gita a Bargone previsto per le 16:00 circa.

Difficoltà: EE – Escursionisti esperti. L’itinerario richiede una certa esperienza in montagna, oltre a calzature ed equipaggiamento adeguati, perché si svolge su sentiero ripido all’inizio e lungo le rocce nella parte sommitale della nostra meta. L’itinerario richiede assenza di vertigini.

Dislivello: + – 650 metri

Durata della camminata: 4 ore circa, non comprensive delle soste con le spiegazioni delle Guide.

segnala il tuo evento gratuitamente +