Quantcast
giovedì
6
Maggio

“Le grandi epidemie nella storia della medicina e della letteratura”, convegno con gli Amici del Museo “G. Doria”

giovedì
6
Maggio

Genova. In collaborazione con il Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” giovedì 6 maggio alle ore 16 su YouTube gli Amici del Museo “G. Doria” invitano al convegno su “Le grandi epidemie nella storia della medicina e della letteratura”.

È una lotta antica e senza fine quella tra l’uomo, ultimo giunto sulla Terra, i virus e i batteri, i primi a popolarla (l’Homo sapiens arrivò sulla terra circa 200mila di anni fa, i cianobatteri circa 3,5 miliardi di anni prima). Nessuno è destinato a vincerla ma ostinatamente continuano a combattersi e addirittura a convivere nello stesso organismo (microbioma).

Convinto di aver vinto la guerra contro i microbi, essere entrato in un’epoca post-infettiva e aver sconfitto le grandi epidemie del passato, nel secolo scorso l’uomo si dedicò a combattere contro altre malattie non contagiose: quelle cardiovascolari, il cancro, quelle metaboliche e dell’invecchiamento. Così non è stato: i batteri hanno sviluppato l’antibiotico resistenza, nuove malattie virali sono apparse sulla scena (HIV, Ebola, Covid-19) mentre ancora di recente casi di peste sono stati registrati in Asia, America del Sud e del Nord e Africa (2017). Solo il vaiolo è stato dichiarato scomparso definitivamente.

In ogni epoca le epidemie hanno trovato ampio spazio nelle opere di autori nazionali e internazionali. Quando si parla di grandi epidemie in letteratura il pensiero va subito alla peste di Milano del 1630 descritta da Manzoni ne “I promessi sposi” o alla Morte Nera del 1347 – 1352, di cui parla Boccaccio nel “Decamerone”. Della peste di Atene scrissero Tucidide nella “Guerra del Peloponneso” e Lucrezio nel “De rerum natura” con toni ben diversi l’uno dall’altro: la descrizione di Tucidide, testimone diretto dei fatti, è ispirata alla storiografia scientifica e gli avvenimenti sono ricostruiti in maniera rigorosa, usando un linguaggio medico e realistico, mentre Lucrezio dimostra maggiore partecipazione emotiva e approfondimento psicologico.

In seguito a malattie epidemiche sono morti autori famosi (Giacomo Leopardi a causa del colera, Guillaume Apollinaire per influenza spagnola), altri ne sono miracolosamente guariti (Ernest Hemingway). Nell’aprile 2020 il Covid-19 ha portato via Luis Sepulveda, scrittore e poeta dell’utopia, del sogno e della fiducia nell’uomo. Le epidemie hanno destato l’interesse di molti Premi Nobel per la Letteratura: più di recente Albert Camus (“La peste”, 1947) e Josè Saramago (“Cecità”, 1995). Oggi in un mondo globalizzato e interconnesso la lettura di “Spillover” (2012), thriller della paura da contagio, assume un valore quasi profetico nel raccontare il salto dei virus da alcune specie animali all’uomo.

segnala il tuo evento gratuitamente +