Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...
Joel Cathcart e Michele Lepera - Dopo le acque alluvionali

Joel Cathcart e Michele Lepera – Dopo le acque alluvionali

13/04 » 27/04/19

EVENTO GRATUITO
: - Inizio ore 17.00 - Fine ore 19.00

S’inaugura sabato 13 aprile 2019 alle ore 17:00 nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la mostra personale di Joel Cathcart e Michele Lepera “Dopo le acque alluvionali” a cura di Mario Napoli. La mostra resterà aperta fino al 27 aprile 2019 con orario dal martedì al venerdì 9:30–13:00/15:00–19:00, il sabato 15:00–19:00.

La mostra “Dopo le acque alluvionali” è innanzitutto una riflessione sui nuovi equilibri e contrasti scaturiti da una profonda apocalisse interiore, ma anche l’intreccio di tre progetti interdipendenti, dove pittura, illustrazione e musica si contaminano a vicenda:

Flotsam – l’ultimo album di Joel Cathcart.
“Flotsam” significa relitti, resti abbandonati dal mare. Ma questi oggetti spiaggiati hanno qualcosa di strano, di enigmatico; sono dei sopravvissuti, all’indomani di un’apocalisse silenziosa, esplosa a denti stretti, che ha frantumato in tanti piccoli pezzi ogni rassicurante certezza. Questi resti ne sono la testimonianza: schegge sparpagliate di una quotidianità ormai persa. Flotsam, quindi, è un epilogo; parla di postumi e dei postumani, dell’erbaccia e delle acque alluvionali, del caos e del silenzio che inevitabilmente lo segue.

Dis.umano – disegni di Michele Lepera realizzati per l’album.
Ispirato dal verso ”take me apart or don’t take me at all” (prendimi a pezzi o non prendermi affatto), presente in una delle canzoni dell’album, Lepera ha creato ibridi di un mondo alterato, partendo dallo studio del corpo umano. Dis.umano è la testimonianza di un profondo e silenzioso cambiamento interiore. Quello che appare riconoscibile è in realtà snaturato e fuori luogo: la ricerca di un’identità da ricostruire.

Rizoma – quadri di Joel Cathcart.
Un’esplorazione del paesaggio post-industriale in declino, in cui la nostra concezione rigida dello spazio urbano si scontra con l’ostinazione ciclica della natura: fiere forme geometriche si disintegrano lentamente in mezzo all’erbaccia, immerse nelle acque alluvionali, segnate dalla pioggia aspra.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!