Quantcast
Centro
giovedì
29
Aprile
domenica
26
Settembre

“Dar corpo al corpo”: i motivi iconografici del Novecento della Collezione Wolfson in mostra a Genova

giovedì
29
Aprile
domenica
26
Settembre
Genova "Dar corpo al corpo" mostra Collezione Wolfson

Genova. Dal 29 aprile al 26 settembre alla Wolfsoniana di Nervi si tiene la mostra “Dar corpo al corpo – Motivi iconografici del Novecento alla Collezione Wolfson”, a cura di Matteo Fochessati e Gianni Franzone e collaterale alla grande mostra “Michelangelo – Divino artista” a Palazzo Ducale.

La scultura e la grafica di Michelangelo Buonarroti hanno rappresentato una fondamentale fonte di ispirazione per molti artisti del Novecento italiano, tra i quali Adolfo De Carolis, principale illustratore delle opere dannunziane. L’esposizione si apre con un cartone di De Carolis dedicato al lavoro delle miniere e caratterizzato, nell’enfatica raffigurazione dei vigorosi corpi degli scavatori, da inflessioni michelangiolesche diffuse all’epoca in Italia attraverso la lezione di Auguste Rodin.

Lavoro, donna, propaganda: la mostra ruota intorno a tre declinazioni del tema del corpo, il corpo del lavoro e la contrapposizione tra una visione simbolica e celebrativa e una rappresentazione più realistica dello sforzo fisico e delle dure condizioni dei lavoratori. Se la durezza del mondo del lavoro appare incarnata dalla dolente figura del contadino dipinto da Ugo Martelli o dalla plastica lampada da tavolo raffigurante un lavoratore intento a spingere un blocco di marmo, la rappresentazione allegorica del tema si rivela espressione di quel mito del progresso che ai primi del Novecento si venne affermando all’interno del passaggio dalla produzione manuale a quella meccanico industriale: un motivo iconografico emblematicamente esemplificato dal manifesto di Plinio Nomellini per il quotidiano socialista Il Lavoro o dalla scultura “Donna con turbina” di Alberto Giacomasso.

Altrettanto articolata appare negli stessi anni l’immagine del corpo della donna protagonista di un processo di emancipazione determinante per la trasformazione del suo ruolo sociale e oggetto di una contrapposta raffigurazione tra retaggi della tradizione e dirompenti trasformazioni imposte dalla modernità. La centralità del ruolo della donna come madre è evidenziata nel gruppo scultoreo “Maternità” di Raffaello Consortini (1934) e nell’autoritratto del pittore con la famiglia di Giorgio Matteo Aicardi (1939). L’immagine opposta di una donna moderna, emancipata e sofisticata si ritrova in molta pittura e scultura dell’epoca ma soprattutto, come documentato dai manifesti di Filippo Romoli, nella grafica pubblicitaria e di promozione turistica.

Suddivisa in più capitoli, la sezione dedicata al corpo della propaganda analizza infine come il tema del corpo sia stato centrale nei messaggi della persuasione politica, a partire dalla celebrazione dell’eroe e del martire che si sviluppò a sostegno dello sforzo bellico durante le fasi cruciali della Grande Guerra, stabilizzandosi al termine del conflitto con la creazione di un culto della vittoria impregnato di retorica. Quest’ottica celebrativa, attraverso cui il fascismo autolegittimò la propria presa del potere e cui si contrapposero solo poche voci isolate, restò un tema centrale della propaganda, come dimostrato dal bozzetto per il “Sarcofago dei Martiri” di Mario Palanti, destinato alla cappella dei caduti di Palazzo del Littorio a Roma (1934).

Predominante in quest’ambito fu anche l’esaltazione del corpo della gioventù, simbolico emblema dell’uomo “nuovo” fascista, vigoroso e audace esponente di una nazione aggressiva e costantemente pronta alla battaglia. Anche quando non fu così enfatizzata, spesso attraverso rimandi alla gestualità e alla postura del Duce, questa celebrazione della virilità assurse comunque a caratteristica identitaria della nazione fascista, in quanto espressione di solidità e condivisi valori tradizionali (patria, lavoro, famiglia) da contrapporre al nemico, sovente stigmatizzato attraverso giudizi etnici basati sul concetto di razza e parodistiche rappresentazioni del corpo dell'”altro”.

Le opere della Wolfsoniana dialogano con altre dell’allestimento permanente del museo in un ricco e suggestivo percorso dedicato ad una riflessione sul tema del corpo e ai mutamenti della nostra percezione di esso, in particolare nelle situazioni di crisi o nelle più significative fasi di trasformazione della storia sociale.

segnala il tuo evento gratuitamente +