Ciclismo

Giro d’Italia, maxi-caduta nel genovese: frattura del femore per Geoghegan Hart

L'incidente che ha coinvolto il ciclista britannico, vincitore della maglia rosa nel 2020, è avvenuto nella discesa della Colla di Boasi, nei pressi di Bargagli

Generico maggio 2023

Genova. Nel pomeriggio di ieri si è corsa l’undicesima tappa del Giro d’Italia. La più lunga della competizione, 219 chilometri da Viareggio a Tortona.

La frazione, condizionata da pioggia e maltempo, ha interessato una buona parte del territorio genovese. Transitando sul litorale costiero del Levante, tra Sestri Levante e Chiavari, la carovana rosa ha percorso l’entroterra della Val Fontanabuona ed è passata poi da Busalla e Moconesi verso la provincia di Alessandria.

Proprio nel tratto tra le valli, a circa 60 chilometri dal traguardo, lungo la discesa della Colla di Boasi – nei pressi di Bargagli – a causa dell’asfalto viscido, numerosi corridori sono stati coinvolti in diverse rovinose cadute.

A farne maggiormente le spese, tra i ciclisti coinvolti, il britannico Tao Geoghegan Hart, corridore della squadra Ineos Grenadier. Terzo in classifica generale, a soli 5″ secondi della maglia rosa. Già vincitore del Giro d’Italia 2020. 

Trasportato all’ospedale San Martino di Genova. Gli esami strumentali hanno evidenziato una frattura del femore sinistro, che richiederà un intervento chirurgico.

Pochi istanti prima della notizia, lo stesso atleta aveva postato le proprie considerazioni sui social network riguardanti la caduta: “Sono devastato per come è finito il mio Giro. Grazie a tutti per i messaggi e il supporto. Ero così entusiasta di questa gara e ne ho amato ogni minuto. Ci vedremo di nuovo.”. Aveva scritto.

leggi anche
giro d'italia
L'indiscrezione
Il Giro d’Italia torna a Genova? Possibile partenza da Quarto dei Mille come nel 2011

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.