Appuntamento

“Cinghiali e biodiversità: tutto quello che non vi hanno mai detto”, il convegno nazionale al Cap

"Riabilitano questa specie che ha nei fatti un grande valore ecologico e contribuisce in modo significativo alle caratteristiche e allo sviluppo dell'ecosistema terrestre"

cinghiali

Genova. “Nonostante i cinghiali siano quasi esclusivamente considerati come una specie problematica infestante e nociva, recenti ricerche e studi pubblicati su riviste scientifiche, riabilitano questa specie che ha nei fatti un grande valore ecologico e contribuisce in modo significativo alle caratteristiche e allo sviluppo dell’ecosistema terrestre e della biodiversità”.

Con queste parole inizia il comunicato stampa dell’associazione “Progetto No Macello ODV“, che in collaborazione con il “Centro Ricerca Cancro Senza Sperimentazione Animale ODV” ha organizzato un convegno nazionale dal titolo “Cinghiali e biodiversità: tutto quello che non vi hanno mai detto”, che si terrà presso la sala del Cap sabato 27 a partire dalle ore 18.

A moderare l’incontro Maria Grazia Barbieri, storica animalista genovese, oggi presidente nazionale del Progetto no-macello e già nota alle cronache per le sue proteste estreme in difesa degli animali. Tra queste, la più recente, fu lo sciopero della fame per salvare i cinghiali del Bisagno durante le prime fasi dell’emergenza legata alla diffusione della Peste suina

Relatori: in ordine cronologico

  • Roberta Putrino – Pres. Comitato Animali Come Noi
  • Dr. Sandro Sanvenero, già pres. Albo odontoiatri -ordine medici La Spezia
  • Dott.ssa Eleonora Chiesa, visual artist- Università degli Studi di Genova
  • Dr. Francesco De Giorgio – etologo – pres. Associazione culturale non-profit Sparta Riserva  dell’Animalità
  • Dr. Carlo Andreoni, medico veterinario La Spezia
  • Avv. Ameriga Petrucci, Foro di Potenza
  • Solange Pichler – attivista
Generico maggio 2023

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.