Crisi

Sampdoria “spaccata”: sabato protesta dei tifosi, Quagliarella può essere un problema?

Pazienza finita da parte dei tifosi e la confusione regna sovrana tra prospettive di vendita e idee di mercato

Generico novembre 2022

Genova. Penultimo posto in classifica. A quasi un anno dall’annuncio di Marco Lanna presidente, Ferrero sembra ancora essere colui che tira i fili del triste presente blucerchiato. Tifosi sempre vicini alla squadra, ma con la pazienza ormai in riserva – se non esaurita del tutto – contro Ferrero, contro Garrone, contro anche l’attuale management in cui si riponevano speranze. Scetticismo dilagante circa la trattativa che vedrebbe protagonista lo sceicco Al Thani. Ora l’ennesima frattura sembra essere nella squadra, con Stankovic che avrebbe avallato una partenza di capitan Quagliarella.

Quagliarella sì o Quagliarella no?

Vista la situazione della Sampdoria, lascia perplessi che si parli di una lista di esuberi – in cui oltre al capitano ci sarebbero anche Caputo, Colley, Verre, Viera e Murru – e al contempo di tentare la conquista della salvezza. La fuoriuscita di questi giocatori alleggerirebbe le casse, certo. Ma si riuscirebbe a rinforzare la squadra, al netto delle perdite, trovando giocatori disposti a vestire la maglia blucerchiata in questa situazione?

Altro punto. Erano stati i più esperti, Quagliarella su tutti, a invocare il ritiro prima di Verona lo scorso anno e a spingere Giampaolo al cambio di assetto per evitare di sprofondare. Possibile che ora siano un problema? Parlando della rosa, non possono non finire sul banco degli imputati i dirigenti, che tra gennaio e l’estate hanno portato in pompa magna giocatori come Giovinco e Winks. Lato Sabiri, le sue ultime prestazioni non sono state brillanti, anzi. Forse – sempre che l’obiettivo sia salvarsi e non solo alleggerire le casse – converebbe mettere lui sul mercato e cercare di ricavarne il più possibile per poi reinvestire.

Sabato la protesta dei tifosi

Dopodomani, i tifosi saranno al Ferraris per manifestare per l’ennesima volta tutto il disappunto per una situazione sconcertante, come l’hanno definita nel comunicato. Una protesta che tocca le tre dirigenze protagoniste del tracollo del club.

Nel mirino, la famiglia Garrone: “Riteniamo  indegna la gente incapace di assumersi le proprie responsabilità, in primis i Garrone. Sono loro che ci hanno portato, regalandogliela gratis, un delinquente, una serpe di Roma in casa”, scrivono.

Pesantemente contestato Ferrero, che ha aggravato la sua posizione con la comparsata allo stadio in occasione del match con la Roma, ma anche l’attuale consiglio di amministrazione, nella quale venivano riposte molte speranze. “Era lunedì 27 dicembre 2021, giorno in cui veniva annunciato il nuovo Cda della Sampdoria – ricordano i tifosi – Nell’immaginario collettivo, doveva essere la fine dell’era Ferrero e l’inizio di un nuovo percorso, fatto da persone tutte schierate dalla parte della Sampdoria e in grado di portare quest’ultima in un porto sicuro, via cessione in mani fidate. L’immaginario collettivo è stato ampiamente deluso”.

leggi anche
Sampdoria Vs Lecce
Comunicato
Sampdoria: “Massimo riserbo sulle trattative per la vendita”. Assemblea degli azionisti il 14 dicembre
sampdoria-juventus,
Furibondi
Sampdoria, sabato 26 novembre manifestazione dei tifosi sotto la Gradinata Sud: “Ci siamo rotti. Questione di rabbia, cuore e orgoglio”