Rigenerazione

Pra’, entro il 2025 il quartiere cambierà volto: ecco i primi tre progetti pronti a partire

Presentato il primo pacchetto da 4,7 milioni. E intanto Rfi accelera su spostamento dei binari e nuova stazione di Palmaro

Generico agosto 2022

Genova. Saranno completati entro il 2025 i sei progetti destinati a cambiare il volto di Pra’ nell’ambito del programma Pinqua. Un pacchetto da 15 milioni i cui primi tre interventi – riqualificazione del centro storico di Palmaro, recupero di Villa De Mari, riqualificazione del parco delle Sorgenti Sulfuree – sono pronti a partire e sono stati presentati oggi a Palazzo Tursi dall’assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi e dal presidente del Municipio Ponente Guido Barbazza. Oltre 4,7 milioni di euro il finanziamento del Mims con fondi del Pnrr, cui si aggiungono 193mila euro di cofinanziamento del Comune.

“Grazie alle semplificazioni normative legate al Pnrr contiamo di aggiudicare le gare già a ottobre anziché a luglio 2023, com’era inizialmente previsto – ha spiegato Piciocchi – e i lavori potranno partire a gennaio. Si tratta di interventi molto attesi dalla cittadinanza ma anche piuttosto complessi, quindi la scadenza del 2025 è piuttosto stringente ma tutto dovrà finire tassativamente entro quella data”.

Generico agosto 2022

Un’altra novità è che le stesse tempistiche dovrebbero riguardare lo spostamento a mare della linea ferroviaria e l’apertura della nuova fermata di Palmaro. Si tratta di un tassello fondamentale per un altro grande progetto di rigenerazione urbana incluso nel programma, quello del parco urbano costeggiato da un canale d’acqua che in prospettiva si collegherà alla fascia di rispetto di Pra’ e alla passeggiata di Voltri per disegnare una sorta di Waterfront di Ponente. “Siccome anche i lavori del nodo sono finanziati col Pnrr, Rfi ha le stesse nostre esigenze – spiega Piciocchi -. Dopo una lunga discussione, ora contano di completare lo spostamento dei binari entro il 2025. Appena avremo disponibilità delle aree partiremo coi lavori di prolungamento del parco”.

“Faccio un appello a Rfi perché faccia tutto possibile per accelerare lo spostamento a mare del tratto di ferrovia”, aggiunge Barbazza che poi rilancia la proposta di un sovrappasso pedonale che unisca la futura stazione all’area portuale: “In questo modo i lavoratori del terminal Psa potrebbero arrivare in treno, quindi in modo ecosostenibile, ma anche dare impulso ai commercianti locali grazie al collegamento diretto col quartiere”.

pra' villa de mari progetto

L’intervento più sostanzioso è quello che riguarda Villa De Mari: 3,77 milioni di cui 3,6 nel Pnrr e oltre 148mila euro del Comune di Genova. Il progetto prevede la ristrutturazione e riqualificazione dell’immobile con diverse funzioni: al piano terra una caffetteria, nei saloni al primo piano spazi per eventi e aule studio, al secondo piano alloggi temporanei in co-housing (per studenti o società sportive, confermando l’attuale vocazione dell’area).

pra' villa de mari progetto

Altri 705mila euro (di cui 677.700 dal Pnrr) serviranno per cambiare il look del centro storico di Palmaro, in particolare le vie che delimitano il cimitero e la piazza che collega questi percorsi alla chiesa di Nostra Signora Assunta. Verranno realizzate una pavimentazione simile a quella dell’antica creusa, con lastricato ai lati e mattonata centrale, e una nuova rete di regimentazione delle acque bianche.

centro storico palmaro progetto

Il terzo progetto, che vale 423mila euro di cui 406.600 dal Pnrr, riguarda la riqualificazione del parco delle Sorgenti Sulfuree e il tratto di creusa che lo attraversa. Verranno rimessi a nuovo il campetto sportivo, le gradinate e i locali sottostanti, gli spazi verdi e i percorsi attualmente in condizioni di degrado e in parte inaccessibili.

Altra zona che cambierà volto è quella di via Novella. Oltre al recupero di 35 alloggi pubblici sfitti, tutta l’area verde a sud-ovest sarà riqualificata con terrazzamenti che ospiteranno un polo ludico-sportivo: percorsi per attività fitness outdoor, aree di sosta, parkour, skate e un campetto valente. Ci saranno anche un chiosco bar e uno spogliatoio. Questi interventi, come quello legato al parco urbano nelle zone che saranno liberate da Rfi, saranno approvati in giunta a settembre e dovranno essere terminati ugualmente nel 2025.

Più informazioni
leggi anche
palmaro pinqua
Waterfront ponente
Dal “mare” a Palmaro al recupero di via Novella, si alza il velo sui progetti che cambieranno un pezzo di ponente