Urbanistica

Villette a Vesima, a Tursi la minoranza tenta la carta dell’ostruzionismo contro la variante al Puc

Contro le nuove case nel verde e vista mare i comitati dei residenti a tutela del territorio di Vesima, Italia Nostra e Legambiente

Generico novembre 2021

Genova. L’opposizione in consiglio comunale sceglie la carta dell’ostruzionismo per affrontare la discussione sulla proposta di variante urbanistica, già approvata dalla giunta Bucci, ma che necessita del voto in consiglio, che permetterebbe la costruzione di alcune villette sulla collina di Vesima, nel ponente cittadino, su un’area di proprietà dell’azienda agricola del marchese e imprenditore Giacomo Cattaneo Adorno.

In apertura della discussione sono state presentate due richieste di sospensiva, una del Pd e una del M5s, entrambe respinte dalla maggioranza, 36 ordini del giorno e 246 emendamenti.

Contro le nuove case nel verde e vista mare, destinate non esclusivamente ad agricoltori ma inserite in un progetto che in teoria dovrebbe riqualificare la zona, si sono scagliati nelle scorse settimane i comitati dei residenti a tutela del territorio di Vesima, Italia Nostra e Legambiente.

Più informazioni
leggi anche
Generico novembre 2021
L'attacco
Bucci alla Leopolda a parlare di città e ambiente. Il Pd: “Ma autorizza la cementificazione a Vesima”
vesima
Perplessità
Vesima, la variante al puc non convince Regione e Città Metropolitana: dubbi su metrature e paesaggio
vesima
No al cemento
Vesima, domenica la camminata di Legambiente contro la speculazione

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.