Udinese-Genoa, vince la paura di perdere: 0-0 con pochissime emozioni - Genova 24
14ª giornata

Udinese-Genoa, vince la paura di perdere: 0-0 con pochissime emozioni

Partita bloccata, due sole opportunità degne di nota: sui piedi di Ekuban sul finire del primo tempo e di Beto nella ripresa

Genoa Vs Roma

Udine. Cagliari e Salernitana, alle sue spalle, pareggiando nello scontro diretto, si sono portate ad una sola lunghezza di distanza. Davanti, la Sampdoria ha allungato a +6 sulla zona retrocessione. Il Genoa, terzultimo in classifica con il misero bottino di 9 punti raccolti in 13 turni di campionato, è chiamato a fare risultato in casa dell’Udinese. Anche i friulani sono tra le pericolanti, dato che hanno 5 punti in più del grifone e sono al quintultimo posto.

Numerose, e pesanti, le assenze in casa rossoblù: Destro, Maksimovic, Kallon, Fares, Caicedo e Criscito non potranno essere schierati. L’Udinese, invece, è al completo.

La cronaca. Gotti schiera i padroni di casa con un 3-4-2-1 con Silvestri; Becao, Nuytinck, Samir; Molina, Walace, Arslan, Udogie; Pereyra, Deulofeu; Beto.

A disposizione ci sono Padelli, Carnelos, Perez, De Maio, Soppy, Jajalo, Makengo, Samardzic, Forestieri, Success, Pussetto, Nestorovski.

Shevchenko presenta il Genoa con un 3-5-2 con Sirigu; Biraschi, Masiello, Vasquez; Sabelli, Sturaro, Badelj, Rovella, Cambiaso; Bianchi, Ekuban.

In panchina: Marchetti, Semper, Vanheusden, Tourè, Melegoni, Hernani, Behrami, Bani, Galdames, Ghiglione, Pandev, Buksa.

Arbitra Meraviglia, assistito da Scatragli e Muto. Quarto uomo Minelli; al Var Mazzoleni, Avar Carbone.

La coreografia del pubblico celebra i due club, i più antichi d’Italia: rispettivamente 125 e 128 anni. Oggi la società friulana festeggia la ricorrenza.

Locali in completo nero con inserti bianchi; Genoa in tenuta bianca con banda orizzontale rossoblù sulla maglia.

Al 2° primo squillo del Genoa. Palla da Cambiaso a Rovella, scarico per Badelj che calcia da fuori area: a lato.

Possesso palla costantemente dei rossoblù; Udinese più attendista e pronta ad agire in ripartenza.

Ritmi bassi, le due squadre si studiano.

Al 12° azione in velocità di Beto che scappa alla difesa ligure: bravo Badelj in scivolata a mettere in angolo anticipando Deulofeu.

Il corner calciato da Deulofeu è respinto da Sirigu. Dopo un quarto d’ora risultato sullo 0 a 0.

Si fa male Pereyra; al suo posto, al 15°, Pussetto. Per lui lieve lussazione alla clavicola.

Rovella si muove bene nello stretto e viene abbattuto sul semicerchio dell’area. Punizione calciata dallo stesso Rovella: il suo destro è alto.

Al 19° secondo angolo per i padroni di casa. Palla in mezzo, testa di Nuytinck, Cambiaso respinge e poi Arslan spara alto.

Le due squadre non sanno incidere, le manovre offensive sono lente e prevedibili. I due portieri non sono mai chiamati ad interventi difficili.

Al 28° facile parata di Sirigu su un diagonale di Walace.

Al 30° qualche brivido per i rossoblù su un corner dalla destra calciato da Deulofeu. Sugli sviluppi lo stesso Deulofeu prova il tiro al volo ma impatta male, poi un tiro a giro di Beto è bloccato da Sirigu.

Al 33° conclusione di prima intenzione di Rovella da fuori area, Silvestri non si fa sorprendere.

Fino a questo momento il possesso palla è al 64% del Genoa, ma non porta frutti concreti.

Primo corner per il grifone al 38°. Il cross di Rovella è troppo lungo e la squadra deve ripiegare.

Al 40° Vasquez trattiene Deulofeu e viene ammonito.

Al 43° grossa occasione per il Genoa. Lancio lungo per Ekuban che stoppa perfettamente, salta Samir ma apre troppo il piatto e la sua conclusione esce alla sinistra del portiere.

Ammonito Sabelli al 44° per fallo su Walace.

Angolo per l’Udinese nel primo minuto di recupero. Sirigu coi pugni allontana, Arslan calcia al volo: alto.

Al 47° Molina aggancia Cambiaso: ammonito.

Dopo 47′ si va al riposo sul risultato di 0 a 0.

Secondo tempo. Tra i locali in campo Samardzic al posto di Nuytinck. I friulani passano al 4-2-3-1, segno di voler fare qualcosa in più.

Molina interviene fallosamente su Rovella a centrocampo. I genoani chiedono invano il cartellino, che sarebbe il secondo.

Gotti effettua altre due sostituzioni: escono Molina e Arslan, entrano Perez e Makengo. Siamo al 10° minuto.

Subito ammonito Makengo che, in ritardo, rifila un calcio a Badelj.

Primo cambio di Shevchenko: esce Sabelli, entra Ghiglione al 13°.

Rispetto al primo tempo il possesso palla è equamente suddiviso tra le due squadre, però la partita resta bloccata. Il primo pensiero è non rischiare, evitare di scoprirsi troppo.

Al 19° Biraschi verticalizza per Rovella che però, contrastato, tocca il pallone ma non riesce a concludere.

Al 21° incursione udinese per vie centrali. Udogie scambia con Deulofeu e conclude: respinto, palla ancora a Udogie che ci prova nuovamente: alto.

Al 24° cross dalla destra di Pussetto, Sirigu respinge, poi la palla termina in angolo. Sugli sviluppi palla fuori per Walace: potente stoccata, Sirigu para coi pugni.

In campo Pandev al posto di Bianchi e Hernani per Badelj al 28°.

Al 35° Udogie nello spazio per Pussetto che di prima serve Beto. Conclusione da posizione pericolosa, Cambiaso devia e la palla sbatte sul palo esterno, uscendo in angolo. Grossa occasione per l’Udinese.

Al 37° contropiede del Genoa. Fa tutto Ghiglione che porta palla e conclude dai venticinque metri, Silvestri si distende alla sua destra e respinge.

Al 40° Deulofeu lascia il posto a Success.

Cartellino giallo a Ghiglione e Pussetto per reciproche scorrettezze.

Angolo al 43°. Calcia Samardzcic, in area Vasquez di testa anticipa Becao e manda ancora in corner.

Al 44° dentro Tourè al posto di Sturaro.

Sono ben sei i minuti di recupero. Al 46° ammonito Rovella che ferma Makengo.

Al 48° azione insistita dell’Udinese. Il tiro di Makengo, ben servito da Success, è respinto. Poi conclude Walace, Beto devia, palla a Udogie che con un tocco sotto la mette dentro ma è nettamente in fuorigioco.

Finisce in parità: 0 a 0 tra Udinese e Genoa.

Più informazioni
leggi anche
Genoa Vs Roma
L'analisi
Genoa: bene la difesa a Udine, ma pesano le assenze in attacco