Trasporto pubblico gratis a Genova, al via la sperimentazione su impianti verticali e metropolitana - Genova 24
Si parte

Trasporto pubblico gratis a Genova, al via la sperimentazione su impianti verticali e metropolitana

Dal 1° dicembre si potrà salire senza biglietto (in metrò solo fuori dall'orario di punta). Bucci: "Obiettivo ridurre l'uso dei mezzi privati ma anche cambiare le abitudini dei genovesi"

Generica

Genova. Partirà il 1° dicembre e durerà per quattro mesi la prima sperimentazione di trasporto pubblico gratuito a Genova: da questa data sarà possibile utilizzare senza biglietto tutti gli impianti verticali (cioè ascensori, funicolari e cremagliera di Granarolo) in ogni fascia oraria e la metropolitana solo nella fascia di morbida, tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.00 e dalle 20.00 alle 22.00.

“È un invito ad avere una città ecosostenibile e a ridurre l’uso dei mezzi privati in città – ha spiegato il sindaco Marco Bucci -. Impianti verticali e metropolitana sono mezzi che secondo noi potrebbero essere utilizzati di più. Non solo vogliamo invitare le persone a sceglierli, ma anche a dilazionare gli orari di ingresso e uscita dal lavoro spostando flussi sull’orario di morbida, in modo da evitare il sovraffollamento, quindi gli obiettivi sono due. Vedremo quali saranno i risultati e poi decideremo se continuare”.

Genova è di fatto la prima città italiana a imboccare la strada del trasporto pubblico gratuito per specifici mezzi e fasce orarie. Ma dal punto di vista finanziario quale sarà l’impatto? “Ce la possiamo fare“, risponde Bucci. “Il costo stimato di questa iniziativa è tra i 500-600mila euro per tutti i quattro mesi – spiega poi il presidente di Amt Marco Beltrami – . Abbiamo un progetto che fa riferimento all’articolo 51 del decreto legge 73 che dovrebbe consentire una copertura. Questa cifra l’azienda ritiene di poterla sopportare, e crediamo anche che da qui si possa aprire una strada innovativa”.

La logica dell’incentivo non è solo “promozionale” ma anche trasportistica. “Per la metropolitana vogliamo vedere se riusciamo a modificare i flussi e i comportamenti. L’idea di base è abbassare il picco tra le 7.00 e le 9.30 per spostare traffico tra le altre fasce orarie – continua Beltrami – mentre per gli impianti verticali i carichi sono sostanzialmente stabili, quindi l’idea è ampliare l’utilizzo in tutte le fasce orarie e stimolare una mobilità di prossimità tra i quartieri. Stiamo lavorando anche per renderli sempre di più un’attrattiva turistica della città”.

Amt diffonderà la novità con un’apposita campagna informativa ma anche azioni concrete: in metropolitana, negli orari di gratuità del servizio, le obliteratrici saranno incappucciate, mentre su ascensori e funicolari saranno disattivate. Dopo il 31 marzo si analizzeranno i risultati e in base a quelli si deciderà come proseguire. “Per metropolitana e impianti verticali siamo in grado di verificare esattamente gli accessi, quindi avremo a disposizione dati certi – prosegue Beltrami -. Sulla metropolitana ci aspettiamo un incremento del 10-15%, se avremo raggiunto quella soglia vorrà dire che la leva tariffaria riesce a spostare un certo numero di persone, anche se in quattro mesi è difficile riuscire a cambiare abitudini consolidate”.

E chi ha già sottoscritto un abbonamento avrà un qualche tipo di ristoro? “Ovviamente no, l’abbonamento servirà per le altre fasce orarie – replica Bucci -. Noi vogliamo arrivare a eliminare l’abbonamento, anzi, in una città ideale tutti i cittadini sono abbonati: la nostra idea è che il servizio possa essere pagato come il telefono o l’acqua. Intanto stiamo pensando a un abbonamento solo per la metropolitana o solo per il centro”.

“In attesa del passaggio verso il full electric, abbiamo acquisito la consapevolezza che sia comunque possibile rendere il trasporto pubblico attrattivo per potenziali nuovi utenti sperimentando periodi di gratuità selettiva – commenta l’assessore Matteo Campora -. Inoltre stiamo proseguendo la collaborazione coi mobility manager delle aziende per riprogettare gli orari della città”.

leggi anche
Autobus Amt Bus Amt
Futuro
Tpl, tra le idee allo studio di Tursi abbonamenti “su misura” per fasce orarie, zone o solo per la metro
Coronavirus: scene di vita quotidiana a Genova, mascherine e trasporto pubblico
Non per tutti
Trasporti pubblici gratis, Lodi (Pd): “Sperimentazione non misurabile e che divide Genova tra territori di serie A e B”
Generica
Critiche
Metropolitana gratis a Genova, Sinistra Italiana: “Misura insufficiente, è una decisione elettorale”
Generica
Commercio
Parcheggi blu area e isole azzurre gratis per i sabati di shopping natalizio, già da domani
atp linea 82 portofino santa margherita
Gesto concreto
La svolta di Santa Margherita: nel 2022 trasporto pubblico gratis per tutti gli over 70