Sampierdarenese, il presidente Pittaluga denuncia un pugno scagliato contro un supporter della formazione genovese - Genova 24
Botta e risposta

Sampierdarenese, il presidente Pittaluga denuncia un pugno scagliato contro un supporter della formazione genovese

La rivelazione della società biancorossonera diffusa attraverso un comunicato firmato dal proprio numero uno

Generico novembre 2021

Savona. Oggi allo stadio Ruffinengo è andato in scena l’atteso match tra Savona e Sampierdarenese, sfida valida per la sesta giornata del Girone B del campionato di Prima Categoria. Una partita movimentata a causa di alcune scelte arbitrali molto contestate ha visto alla fine prevalere gli ospiti nei confronti dei padroni di casa, un epilogo che però ha creato un clima di agitazione generale. Il presidente della Sampierdarenese Roberto Pittaluga ha affidato ad un comunicato la risposta a quanto affermato nel post partita dal numero uno del Savona Simone Marinelli, il tutto accusando un tifoso locale di aver colpito con un pugno un sostenitore ospite.

Di seguito ecco il testo della nota diffusa: “In merito alle dichiarazioni del Sig. Marinelli ci preme sottolineare quanto segue… Riteniamo inutile ritornare su questioni di campo che lì iniziano e lì dovrebbero finire.

In entrambe le interviste rilasciate non abbiamo mai mancato di rispetto alla squadra e alla società Savona di cui è stata sottolineata anzi la forza. Il nostro sorriso era, penso lecitamente, dovuto alla nostra vittoria; io personalmente ho un legame speciale con la città della Campanassa essendo mia moglie di Legino e avendo ancora in città amici e parenti.

Durante la gara, il papà di un nostro ragazzo è stato colpito da un pugno da un ragazzo degli ultras di Savona dopo che il Sig. Marinelli aveva agitato la folla. Abbiamo provveduto a chiamare la polizia solo per calmare gli animi senza la volontà di procedere ad una denuncia che avrebbe (o meglio, potrebbe avere) risvolti molto negativi per un giovane.

Sempre il sig. Marinelli, sul finire della partita, si è avvicinato in zona spogliatoi, area a lui interdetta in quanto da venerdì inibito per un mese per dichiarazioni diffamatorie nei confronti di un altro tesserato della società Priamar, a due nostri giocatori sostituiti facendo discorsi che definire minacciosi non è peregrino. Sempre il presidente del Savona nel dopo partita si è permesso di dare giudizi fortemente lesivi e diffamatori della società Sampierdarenese che, negli ultimi 9 anni, si è contraddistinta per rapporti corretti e di reciproco rispetto con tutte le società della Liguria nonché con gli organi federali e arbitrali, anteponendo la correttezza e lo spirito sportivo ai risultati sportivi.

Pertanto, in virtù di tutto ciò, chiediamo che entro domani la società Savona, almeno nelle figure più ragionevoli che non dubitiamo esserci nello storico sodalizio ponentino, rilasci un comunicato di scuse nei nostri confronti in modo che lo spiacevole episodio si chiuda senza la necessità di inutili strascichi sia per quanto concerne la diffamazione che la turpe aggressione fisica di un ragazzotto esagitato da un presidente non in grado di sopportare la pressione di un campionato di Prima Categoria!”

Si prevede dunque un post partita incandescente, la rivalità tra Savona e Sampierdarenese è più viva che mai.