Palazzo Ducale, concluso il festival di Limes: venerdì 750 studenti hanno seguito il dibattito - Genova 24
Bilancio

Palazzo Ducale, concluso il festival di Limes: venerdì 750 studenti hanno seguito il dibattito

Caracciolo: "Anche quest'anno una sede di confronto pubblico ad alto livello"

Generico novembre 2021

Genova. Si è concluso oggi a Palazzo Ducale l’ottava edizione del festival di Limes, la rivista italiana di geopolitica diretta da Lucio Caracciolo.

Nei tre giorni di dibattiti e interventi, esperti e protagonisti italiani, francesi, americani, tedeschi e inglesi hanno approfondito il tema di come potrebbe essere l’assetto geopolitico del mondo e dell’Italia nel 2051.

Nella mattinata di venerdì, dedicata alle scuole, sono stati 750 gli studenti che hanno seguito il dibattito, di cui 100 in presenza al Ducale e 650 in collegamento dalle varie scuole.

“Il festival si è così confermato anche quest’anno sede di confronto pubblico ad alto livello, destinato ad affrontare annualmente le tematiche che toccano i rapporti fra le nazioni, specie di quelle di maggior impatto sull’Italia”, dichiara Lucio Caracciolo.

Tra i relatori: Lapo Pistelli, direttore Public Affairs Eni, Roberto Cingolani, Ministro per la transizione ecologica, Gregorio De Felice, Chief Economist Intesa Sanpaolo, Jacob Shapiro, analista geopolitico, George Friedman, fondatore e direttore dei Geopolitical Futures, Olivier Kempf, direttore di La Viegie, Maximilian Terhalla, professore associato al King’s College di Londra, Andrew Gamble, professore presso il dipartimento di Scienze politiche e Relazioni internazionali dell’Università di Sheffield.

Le tre giornate del festival con i suoi 14 incontri, declinati secondo vari temi accompagnati dalle mappe della mostra cartografica “Le forme del futuro” di Laura Canali, ha portato a Palazzo Ducale più di 4.000 presenze.

Più informazioni
leggi anche
cingolani
Parentesi
Vaccino Covid, il ministro Cingolani: “Dovrebbe essere obbligatorio come il casco”
cingolani parco portofino
Laico
Portofino, Cingolani alza le mani: “Il parco nazionale non l’ho chiesto io, se non si vuole non si fa”