Ospedale San Martino: sospesi tre medici scoperti senza vaccino - Genova 24
Beccati

Ospedale San Martino: sospesi tre medici scoperti senza vaccino

La scoperta dopo un controllo supplementare della Asl

Nuovo blocco operatorio ospedale San Martino

Genova. Erano regolarmente in servizio pur non essendo vaccinati. Per questo tre medici dell’ospedale San Martino di Genova sono stati sospesi dall’azienda.

Secondo quanto anticipato dal Secolo XIX e da Repubblica, erano in possesso di green pass che però era stato ottenuto con l’utilizzo dei tamponi. Quel documento per il personale sanitario non basta, visto che per la categoria vige l’obbligo vaccinale (ribadito da una recente sentenza del Consiglio di Stato).

“I controlli li esegue la Asl 3 come da decreto 44 del 2021 – puntualizza a Genova24 la direzione generale – il Green Pass ci ha consentito un’accelerazione di questi controlli in quanto l’Asl ha ricevuto una marea di lavoro. Non controlliamo il personale, ma se ci vengono dei dubbi in base a ciò che captiamo, chiediamo di fare delle indagini supplementari alla Asl”.

Per cui è probabile che più di un sospetto abbia fatto drizzare le antenne ai dirigenti del San Martino.

L’ospedale conferma anche l’incremento dei certificati di malattia tra il personale, come sta avvenendo su tutto il territorio nazionale e specifica che i medici non vaccinati hanno presentato una documentazione idonea che attesta la loro non vaccinabilità.

Secondo quanto riportano i quotidiani citati, diventano quindi 111 i dipendenti sospesi o ricollocati al San Martino. Numeri che hanno costretto la direzione dell’ospedale ad accorpare reparti e a rinunciare a sale operatorie: nelle scorse settimane il reparto di Urologia è stato unito a quello di chirurgia dei trapianti di fegato, mentre la chirurgia del trapianto di rene ha “traslocato” al piano di chirurgia vascolare. In più, in ortopedia l’obiettivo di aprire una seconda sala operatoria almeno per il momento è rimandato

Con i tre professionisti del San Martino sale a 23 il conto dei sospesi iscritti all’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Genova.