Milite ignoto, il concerto della fanfara della marina militare al teatro nazionale - Genova 24
Cerimonia

Milite ignoto, il concerto della fanfara della marina militare al teatro nazionale

Il ricordo questa mattina alla presenza del sindaco Marco Bucci e del Comandante Marittimo Nord ammiraglio di divisione Pierpaolo Ribuffo

Generico novembre 2021

Genova. Stamattina, sul palco del Teatro Nazionale di Genova, il sindaco Marco Bucci e il Comandante Marittimo Nord ammiraglio di divisione Pierpaolo Ribuffo hanno presenziato al concerto della fanfara della Marina Militare al quale sono intervenuti anche rappresentanti delle Forze Armate, dei Corpi dello Stato, associazioni d’arma e combattentistiche oltre a studenti degli istituti genovesi apparsi particolarmente coinvolti dalla cerimonia.

La fanfara, diretta dal maestro primo luogotenente Vito Ventre, ha condotto i partecipanti in un emozionante viaggio musicale che ha toccato Venezia, Bologna, Firenze e Roma ripercorrendo idealmente le tappe dello storico treno speciale che, un secolo fa, trasportò da Aquileia all’Altare della Patria di Roma il feretro del Milite Ignoto. È stato un concerto simbolico che ha rinnovato il desiderio del Paese di riprendere il proprio cammino partendo dalla memoria dei giovani di allora.

Nella Grande Guerra l’Italia perse 650mila militari, alcuni giovanissimi. L’istituzione della figura del Milite Ignoto (nel 1921 insignita della medaglia d’Oro al Valor Militare, la massima decorazione militare italiana) ha voluto restituire alle famiglie di chi non è mai tornato un riconoscimento importante.

Al Milite Ignoto lo scorso marzo il Comune di Genova, organizzatore dell’evento di oggi in coordinamento con la Marina Militare, aveva conferito la cittadinanza onoraria. Già negli anni Trenta del Novecento a questa figura simbolica Genova aveva reso onore intitolando la grande scalinata – conosciuta anche come scalinata delle Tre Caravelle – che si affaccia su piazza della Vittoria e sul suo imponente arco di trionfo (Arco della Vittoria) dedicato ai caduti della Prima guerra mondiale, il luogo nel quale ogni anno si commemora la Giornata delle Forze Armate.