Galleria Mazzini allagata, il Comune: "Lavori appena iniziati ma il problema sono le grondaie dei privati" - Genova 24
Maltempo

Galleria Mazzini allagata, il Comune: “Lavori appena iniziati ma il problema sono le grondaie dei privati”

Dopo i disagi di sabato, le interrogazioni di M5s, Pd e Lega. L'appalto per la regimazione delle acque entrerà nel vivo in primavera

galleria mazzini

Genova. Il nubifragio che sabato ha colpito Genova e i suoi effetti sono stati al centro della prima parte del consiglio comunale di oggi a Genova. Sono state sei le interrogazioni, sia da parte dell’opposizione sia della maggioranza, alle quali ha risposto l’assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi.

Alcune interrogazioni, quelle di Lorella Fontana (Lega), Alessandro Terrile (Pd) e Luca Pirondini (M5s) sono state relative sull’allagamento di galleria Mazzini, il cosiddetto “salotto buono” del centro città. I consiglieri hanno chiesto il perché di una situazione così grave anche alla luce dei recenti lavori di ristrutturazione della galleria. Piciocchi ha spiegato che gli interventi di rifacimento della galleria sono in corso: “L’appalto sulla regimazione delle acque da 1,6 milioni, che includerà anche il rifacimento del prospetto nord, è stato assegnato recentemente ed entrerà nel vivo in primavera”.

Con i finanziamenti Pinqua del governo il Comune ha ottenuto anche i soldi per la copertura integrale della galleria. “Un piano molto impegnativo e invasivo quindi stiamo ragionando con i civ come organizzare il cantiere” ha spiegato ancora l’assessore. “Chiediamo scusa per quanto accaduto ma sono sicuro che i problemi saranno presto risolti”. L’altra questione irrisolta è relativa alla mancanza di un regolamento che obblighi i proprietari dei palazzi della galleria a sistemare grondaie e pluviali. “Se ne parla da 10 anni, a breve convocherò una riunione con gli amministratori di condominio”.

Tra le domande ricorrenti anche quella sulla mancata allerta meteo, scattata solo qualche ora dopo il verificarsi delle problematiche più pesanti. “Come sapete la procedura di allerta non vede un ruolo attivo del Comune – ha detto Piciocchi – è Arpal che opera in autonomia e decide quando emanare l’allerta, noi abbiamo preso atto delle disposizioni, chiederemo comunque un approfondimento con Arpal e la Regione su quanto accaduto affinché non si ripeta”.

In un altro giro di domande Gianni Crivello (Lista Crivello) e Ubaldo Santi (Misto) hanno sottolineato come sabato siano caduti solo 38 millimetri di pioggia in un’ora e questo sia bastato per generare il caos in zone come la Valpolcevera o la Valbisagno. I loro interventi sono stati di critica alla giunta e di sprone a sfruttare le risorse del Pnrr per lavori contro il dissesto idrogeologico.

Insieme a loro Davide Rossi (Lega) che ha chiesto all’assessore ai Lavori pubblici come intenda muoversi l’amministrazione per risolvere alcune problematiche di lunga data come via Carnia in Valpolcevera, via Lodi in Val Bisagno o via Reti a Sampierdarena (in tutte queste zone si sono verificati allagamenti e disagi). Tuttavia la risposta dell’assessore Piciocchi alle osservazioni di tipo politico della minoranza hanno assorbito i cinque minuti a disposizione.

leggi anche
galleria mazzini
Polemica
Galleria Mazzini allagata dalla pioggia, il Pd attacca Bucci: “Modello Genova? Solo risorse investite male”
Maltempo 13 novembre
Allagata
Maltempo, la Val Bisagno alla conta dei danni. D’Avolio chiama Tursi: “Ora piani e risorse per le vallate”