Bando società sportive Filse, PD: "Dalla Regione fondi sottostimati e insufficienti" - Genova 24
Il caso

Bando società sportive Filse, PD: “Dalla Regione fondi sottostimati e insufficienti”

Nel giro di poche ore dall'apertura il bando ha ricevuto domande per oltre il 200% dei fondi disponibili

Campo sportivo Pietra Ligure

Liguria. “La chiusura anticipata per esaurimento fondi del bando indetto dalla Regione per le associazioni e società sportive dilettantistiche, per l’acquisto di attrezzature e per interventi alle infrastrutture, dimostra la mancanza da parte della giunta di un reale ascolto del settore”, lo scrive in una nota il gruppo del Pd in Regione.

“Visto il numero di richieste – nel giro di poche ore dall’apertura il bando ha ricevuto domande per oltre il 200% dei fondi disponibili – se ci fosse stato un vero ascolto delle società e associazioni sportive, come l’assessora Ferro sostiene, si sarebbe capito subito che la cifra di un milione di euro era fortemente insufficiente e sottostimata”, si legge nel comunicato.

“Solo i più informati e veloci e solo una minima parte dei richiedenti, infatti, è riuscita a presentare la domanda per tempo e aver accesso al bando prima della sua chiusura, e questo dimostra quali e quanti siano i reali bisogni del settore in attesa di risposte, che ad oggi nella maggior parte dei casi rimarranno inevase”, continuano dal Pd.

“Per mettere una toppa, l’assessora Ferro ha annunciato un nuovo bando, sempre per infrastrutture sportive, con finanziamenti erogati da un pool di banche convenzionate da 40mila a 400mila euro garantiti da Regione/FILSE. Quello annunciato si preannuncia, però, un bando profondamente diverso da quello precedente, visto che non prevede il fondo perduto e i prestiti su cui la Regione porrà la sua garanzia bancaria partono da 40mila anziché 10 mila euro”, aggiungono i dem.

“Per questo chiediamo che anche questo secondo bando abbia le stesse prerogative del precedente, sia nelle cifre, cioè un finanziamento a partire da 10 mila euro e non 40 mila, sia nel bilanciamento tra aiuto finanziato e a fondo perduto. Perché anche chi farà domanda per questo bando, possa avere accesso al finanziamento con le stesse prerogative di chi è riuscito ad accedere al precedente. Perché, se la Regione avesse stanziato una cifra congrua alle reali esigenze del settore, oggi le società sportive non si ritroverebbero davanti a un bando chiuso nel giro di poche ore”, sottolineano dal gruppo di centrosinistra.

“Chiederemo chiarimenti all’assessora Ferro perché è inaccettabile che si illudano associazioni, ragazzi e amministrazioni comunali annunciando ai quattro venti finanziamenti che poi risultano insufficienti e inaccessibili ai più. La dichiarazione riparatoria di aprire un ulteriore bando è ancor più un’ulteriore presa in giro: le associazioni non hanno bisogno di prestiti ma di finanziamenti a fondo perduto”, concludono i consiglieri del Gruppo Pd in Regione.

Più informazioni