Amt, in arrivo altri 45 bus elettrici per Levante e Ponente. E in centro rimarranno i cavi del filobus - Genova 24
Work in progress

Amt, in arrivo altri 45 bus elettrici per Levante e Ponente. E in centro rimarranno i cavi del filobus

In sperimentazione a Genova anche il bus a idrogeno: "In futuro convivrà con l'elettrico e sarà vantaggioso sui percorsi extraurbani"

filobus genova

Genova. Altri 45 bus elettrici in arrivo nei prossimi mesi per Amt Genova che punta a rendere completamente green il trasporto pubblico entro il 2025: a confermarlo è il presidente Marco Beltrami a margine della presentazione del bus a idrogeno “prestato” da Bolzano e in sperimentazione per due giorni sulle strade della città. Una tecnologia ancora difficile da applicare perché mancano infrastrutture per il rifornimento, anche se l’idea è che in futuro questi veicoli possano convivere coi mezzi elettrici a batterie.

Ma il cuore della rivoluzione verde di Amt saranno i quattro assi di forza (più uno) per cui ormai è stata definita la tecnologia da impiegare. Il ministero delle Infrastrutture, che ha approvato il finanziamento da 471 milioni di euro chiesto dal Comune, ha dato indicazioni precise: per la Valbisagno e la Valpolcevera (che però è esclusa dai quattro assi) si potranno usare i bus elettrici opportunity charging completamente svincolati dalla linea aerea, capaci di ricaricarsi anche alle fermate, mentre per gli altri tre assi (quello centrale da Marassi a Campi, la direttrice di corso Europa e il Ponente fino a Voltri) bisognerà attenersi al progetto originario, quello della filovia.

Generica

Il Comune e Amt però guardano da tempo alla tecnologia Imc (in motion charging) che permette ai filobus di marciare staccati dalla rete elettrica, in certi casi anche per il 60% del percorso, grazie all’energia accumulata dalle batterie. In questo modo si potrà evitare di tendere cavi per l’intera estensione della nuova rete, che sarebbe pari a 26,5 chilometri (attualmente la filovia in servizio sulla linea 20 è lunga 14 chilometri), aggiungendo solo quanto basta sulle diramazioni per consentire ai nuovi bus di raggiungere i capolinea periferici. Accantonata perciò l’ipotesi di eliminare i cavi dalle zone centrali di pregio, visto che sarebbe l’opzione più onerosa anche in termini di tempistiche.

Resta poi da stabilire come sarà composto il mix tra vetture da 18 metri (già regolarmente in servizio) e 24 metri (che potranno essere autorizzate dal ministero grazie a uno degli ultimi decreti). Il progetto originario prevedeva 145 filobus da 18 metri, ma il numero delle vetture potrà essere rivisto in funzione delle maggiori dimensioni consentite. Così come sarà certamente rivista la revisione della rete ipotizzata nello studio di fattibilità che aveva allarmato posizioni e comitati di quartiere alla luce dei sostanziosi tagli alle collinari. Da quanto fa sapere l’azienda, quello era solo lo scenario limite immaginato per mettere “sotto stress” il sistema, ma le sforbiciate non saranno così drastiche. I tecnici di Amt e di palazzo Tursi sono al lavoro coi progettisti anche per aumentare il più possibile la quota di percorsi in sede riservata (previsti al 70% nello studio inviato al ministero).

Intanto si va avanti con la progressiva sostituzione degli autobus termici con corrispondenti vetture elettriche. “Nei prossimi sei mesi arriveranno 30 nuovi mezzi Solaris da 12 metri che saranno destinati alla rimessa di Cornigliano e quindi impiegati sulle linee del Ponente – spiega il presidente Marco Beltrami -. I mezzi ibridi attualmente in servizio sul 3 potranno essere spostati a Levante, probabilmente sul 15 o sul 42. Inoltre è in corso una gara per altri 15 bus elettrici da 10,5 metri che saranno distribuiti tra le rimesse Mangini e Cornigliano”. Al momento sono già full electric le linee locali di Nervi (515, 516, 517), la linea interna dell’ospedale San Martino (518), il 44 De Ferrari-Borgoratti e il 193 sulle alture di Voltri.

bus idrogeno amt genova

E il bus a idrogeno? Per ora non rappresenta un futuro a breve termine. “Dal punto di vista ingegneristico non ha senso perché in sostanza è un bus elettrico che funziona bruciando idrogeno che a sua volta deve essere prodotto in altro modo – spiega Beltrami – ma il vantaggio potenziale è duplice. Da una parte l’idrogeno rappresenta un modo per stoccare elettricità in eccesso prodotta ad esempio da celle fotovoltaiche, dall’altra questi mezzi hanno un’autonomia di circa 350 chilometri rispetto ai 180 chilometri di un tradizionale mezzo elettrico, quindi può avere senso impiegarli sui percorsi extraurbani piuttosto che in città. Il problema ad oggi è la filiera di approvvigionamento”.

“Noi testiamo sempre nuove tecnologie in modo da essere pronti in futuro – aggiunge Fabio Gregorio, responsabile del settore innovazione in Amt -. In futuro elettrico vero e proprio e idrogeno sono destinati a convivere come oggi esistono motori a benzina e diesel. Ovviamente l’idrogeno deve essere prodotto in maniera sostenibile e, come succede col gas, immaginiamo che possano esserci siti in cui viene prodotto e stoccato. Al momento non è così e la ricarica avviene mediante bombole, ma noi rimaniamo sul pezzo”.

leggi anche
Generico novembre 2021
Prova su strada
Amt sperimenta il bus a idrogeno sulle strade genovesi
Generica
Il progetto
Aree ex Ilva, spunta l’ipotesi di un impianto per chiudere il ciclo dei rifiuti e produrre idrogeno
Generico novembre 2021
Trasporto pubblico
Assi di forza, i lavori dovranno finire nel 2026. E arrivano i soldi per la metropolitana a Corvetto