Amazon, corrieri in sciopero nel giorno del black friday: migliaia di pacchi a rischio anche a Genova - Genova 24
26 novembre

Amazon, corrieri in sciopero nel giorno del black friday: migliaia di pacchi a rischio anche a Genova

Gallo (Filt Cgil): "Chiediamo carichi minori e salari più altri e se non ripartirà la trattativa gli acquisti di Natale saranno a rischio"

Sciopero Amazon

Genova. Il primo segnale arriverà in coincidenza con l’inizio del black friday, il prossimo 26 novembre, con uno sciopero di 24 ore nelle aziende che consegnano i pacchi Amazon, ma se la trattativa non ripartirà con decisione i sindacati sono decisi a dare un segnale ben più pesante a ridosso di Natale con 48 ore di sciopero che potrebbero mandare in seria crisi gli acquisti per il 24 dicembre.

Alla base dello sciopero c’è la richiesta di abbassare carichi e ritmi di lavoro, divenuti insostenibili, nonché quella di diminuire l’orario settimanale dei driver: “La trattativa va avanti da 7-8 mesi – spiega Marco Gallo, Filt Cgil Genova – ma finora e nonostante il primo sciopero che avevamo indetto a marzo, non riusciamo ad andare avanti. Per questo abbiamo deciso questa seconda mobilitazione: sappiamo bene che scioperando il 27 novembre, cioè il giorno dopo gli acquisti del black friday, avremmo causato un danno peggiore, ma questa volta abbiamo scelto una giornata soprattutto simbolica. Se le cose non si muoveranno, dovremo avvertire gli italiani e i genovesi a non fare acquisti su Amazon a ridosso del Natale perché rischieranno di non ricevererli per tempo”.

A Genova, tanto per dare qualche numero, in una giornata standard le consegne di pacchi Amazon si aggirano intorno a 20 mila pacchi. Sono 4 le aziende iscritte ad Assoespressi che lavorano non con il colosso fondato da Jeff Bezos nella nostra città. Sono la Bs Trasporti, che ha Genova ha un centinaio di corrieri (che salgono a 120 considerando i cosiddetti ‘natalini’ con contratti di un paio di mesi massimo), la Logistic Distribution Services, un centinaio di corrieri anche lei così come la Jet Express mentre la quarta azienda che ha firmato il contratto con Amazon da meno di un mese, è la New Post e’ ha su Genova una 30ina di corrieri.

Le richieste del sindacato? “Diminuire i carichi di lavoro e aumentare i salari – spiega Gallo – ma fino ad oggi Assoespressi continua a fare resistenza come dimostra la volontà di non pagare più i primi tre giorni di malattia, di far lavorare obbligatoriamente i driver per 26 domeniche all’anno, e di impedire i passaggi contrattuali da part time a full time e da tempo determinato a indeterminato”. Tra due settimane i sindacati lanceranno un nuovo segnale con migliaia di pacchi a rischio anche a Genova, la prova generale prima di un Natale che rischia di essere molto caldo.