Finanziato

A Genova aprirà il centro antidiscriminazioni per le persone Lgbti+ della Liguria

Il centro aprirà le porte nella sede di Arcigay Genova, in via del Lagaccio 92R ed è stato finanziato con 100 mila euro

direttivo arcigay

Genova. A Genova aprirà il Centro antidiscriminazioni per le persone Lgbti+ della Liguria. L’Unar, ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, ha pubblicato lo scorso 9 novembre la graduatoria finale con i progetti che hanno ottenuto un importante finanziamento pubblico.

Arcigay Genova, che ha partecipato al bando insieme a una rete che metterà insieme numerose realtà del territorio genovese e ligure già impegnate per i diritti Lgbti+ e per il contrasto alle discriminazioni e alla violenza, ha ottenuto 100 mila euro.

Il centro aprirà le porte nella sede di Arcigay Genova, in via del Lagaccio 92R, e prenderà il via nelle prossime settimane la prima fase operativa. L’obiettivo di Arcigay, si legge in una nota, è quello di dar vita a un presidio che diventi punto di riferimento anche per le istituzioni locali, anche alla luce dell’affossamento del Ddl Zan contro l’omobitransfobia al Senato.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.