Menù speciali, degustazioni, incontri: torna Tartufando e conquista anche il centro cittadino - Genova 24
Evento

Menù speciali, degustazioni, incontri: torna Tartufando e conquista anche il centro cittadino

La manifestazione è in programma dal 22 al 24 ottobre e dal 29 al 31 ottobre

Generico ottobre 2021

Genova. Presentata questa mattina la sesta edizione di Tartufando, la manifestazione organizzata dal civ di Sarzano-Sant’Agostino che quest’anno si estende anche ad altre zone del centro da Piazza delle Erbe, Vico Casana a via Cesarea proponendo due week-end, rispettivamente dal 22 al 24 ottobre e dal 29 al 31 ottobre, all’insegna di menu a tema e offerte gastronomiche dedicate.

Oltre 80 saranno le attività coinvolte, tra quelle legate al tema food e non, con proposte e riferimenti sia al tartufo bianco che nero.

“Anche quest’anno Tartufando garantirà qualità e totale sicurezza profumando ancora una volta le vie del centro – spiega Matteo Zedda, ideatore della manifestazione e presidente del Civ di Sarzano-Sant’Agostino – Dopo le difficoltà della passata edizione, a causa dell’emergenza sanitaria, abbiamo deciso di investire molto nell’organizzazione della manifestarione e anche in quest’edizione vogliamo dare un’offerta specifica e mantenere il tema”.

E continua: “Il fatto che da quest’anno l’evento si estenda ad altre aree del centro premia gli sforzi compiuti negli anni passati e certifica il successo della manifestazione”.

Il civ di via Cesarea organizzerà un mercatino con 5 banchi a tema che nei fine settimana dal 22 al 24 ottobre e dal 29 al 31 ottobre proporranno prodotti tipici e tartufo sia bianco che nero. Altri banchi saranno presenti in Piazza Teresa Mattei e al Giardini Luzzati.

Sempre in Piazza Teresa Mattei sarà invece installata una tartufaia con dimostrazioni dal vivo di cani di razza Lagotto addestrati, provenienti da Millesimo e specializzati nella ricerca dell’oro della terra. La prenotazione è consigliata e permette di avere il proprio pranzo a base di tartufo con ricette uniche, create appositamente per questo appuntamento.

Di seguito l’elenco dei banchi presenti a Tartufando 2021: Antonio Alfano specialità palermitane arancini al tartufo, frittelle – Giampaolo Bassi Bedonia (Parma) Panino ai saluti tartufati vendita prodotti emiliani – Cirio Ettore Asti Vendita salumi e formaggi piemontesi – Mirko tartufi Cortona (Arezzo) vendita diretta tartufi e prodotti a base di tartufo (creme, olio, burro, salumi) Tartuficoltori Liguri Millesimo (Savona)- Tartuficoltori Monferrato Pareto (Alessandria) – Simonetti tartufi Ca del Bosco (Pavia) Vendita diretta tartufi.

Tartufando 2021 e patrocinata da Regione Liguria e sostenuta da Camera di Commercio di Genova, Genova More Than This come Comune di Genova, Ascom Confcommercio Genova, Confesercenti Genava.

Alessandro Piana, Vicepresidente Regione Liguria: «La Liguria è sempre più protagonista con le sue eccellence agroalimentari – aggiunge il vice presidente e assessore all’Agricoltura di Regione Liguria Alessandro Piana-e vela anche territori naturalmente vocati al tartufo per caratteristiche geografiche, orografiche, climatiche e culturali, secondo antichi saperi tramandati di generazione in generazione.

Una straordinaria ricchezza che Regione Liguria desidera dunque sottolineare, declinata con efficacia e creatività dagli organizzatori nella kermesse genovese Tartufando che coinvolge i CIV di Sarzano e Sant Agostino, Piazza delle Erbe, Vico Casana e Cesarea sui due fine settimana di questo mese, dal venerdì alla domenica. Un trionfo di sapori e tradizioni, con diversi eventi a corollário, foriero di unire esercenti, residenti e ospiti nel segno dell’altissima qualità.

Andrea Benveduti, Assessore allo Sviluppo Economico Regione Liguria: «La Liguria è ricca di prelibatezze, come il Tartufo, che eleggono la nostra regione a territorio leader dell’agroalimentare. di elevata qualità. La nuova edizione di Tartufando è esempio di come il buon commercio, grazie alla sinergia con i Civ, anima del nostro territorio oltreché presidio delle nostre aree urbane, sia fondamentale per la valorizzazione dei nostri centri storici

Maurizio Caviglia, Segretario Generale Camera di Commercio di Genova: «Il ritorno di questa iniziativa nelle vie di Genova, con il coinvolgimento di ben quattro Civ per due weekend, è il segno della ritrovata fiducia degli operatori dopo la lunga stagione della pandemia, nel segno della qualità e dell’attenzione ai prodotti del territorio locale. La Camera di Commercio – che non ha interrotto il proprio sostegno ai Civ nemmeno durante i lunghi periodi di chiusura, trasformandolo in supporto a iniziative di comunicazione e illuminazioni scenografiche – è oggi particolarmente lieta di tornare ad investire in animazioni di strada.

Paola Bordilli, Assessore Grandi Eventi Comune di Genova: «Sono molto contenta di come in questi anni la manifestazione sia cresciuta e per questo ringrazio gli organizzatori, civ e associazioni di categoria con cui collaboriamo: quest’anno più che mai si allarga coinvolgendo sempre più operatori commerciali ma soprattutto abbracciando più zone cittadine creando una stretta sinergia col territorio. L’evento contribuirà ad animare soprattutto, ma non solo, il cuore del centro storico. offrendo vetrina a un prodotto della nostra terra che sta riscuotendo sempre più appeal anche dal punto di vista della qualità. E’ bello vedere come, anche grazie al ruolo di facilitatori che le istituzioni devono avere, le manifestazioni crescono e diventano un punto di riferimento cittadino, una bella occasione di attrattività di visitatori».

Paolo Odone, Presidente Ascom Confcommercio Genova: Un’occasione imperdibile che estano si estende anche al centro della cima e che dimostra che il settore agroalimentare è traissante per l’economia della nostra Regione Una volta di più I nostri centri integrati di via si rivelan stramento fondamentale in termini di valorizzazione del prodotti e del territorio diventando veri e propri protagonisti nella promozione delle tipicità liguri, altresi raccontano la storia e la tradizione dei nostri quartieri tramite le attività di vicinato e l’esperienza di un vero centro commerciale naturale A cielo aperto che da sempre è l’anima della nostra città”.

Paolo Barhieri, Direttore Confesercenti Genova: “Quella che inizialmente era solo un’idea di cui si discuteva nei corridoi di Confesercenti, negli anni è cresciuta diventando una manifestazione capace di coinvolgere un’ampia parte del centro cittadino e decine e decine di operatori, a dimostrazione del fondamentale ruolo di promozione dei Civ e delle associazioni di categoria. “Tartufando” ormai rappresenta un vero e proprio brand, connotato e riconoscibile, tanto da avere depositato presso il Ministero dello sviluppo economico la pratica per la registrazione del marchio”.